:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
📅 Il Giorno della Memoria #GiornoMemoria
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Gian Piero Stefanoni
La vita fa rumore

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Alaimo - 11/01/2016 17:41:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Gian Piero Stefanoni scrive per il libro di Mosi "La vita fa rumore" una recensione che testimonia una forte empatia. Stefanoni e Mosi sono, infatti, due poeti con un forte e nient’affatto astratto senso etico della vita, misurato quotidianamente con la realtà ed i suoi fermenti ed a ciò che accade nei luoghi della loro quotidiana esistenza.
Entrambi, inoltre, sono asciutti e densi nella loro espressione, vibranti ed allo stesso tempo concreti. Poiché conosco la scrittura sia di Stefanoni che di Mosi, mi sento di dire che sono due voci importanti nel panorama letterario odierno, perché veritieri, onesti, aderenti ad una poetica d’impegno; ben lontani da tutti quelle costruzioni funamboliche dei versi che sanno di poco o di niente.
La loro poesia è sapida, insomma. Mi piace, dunque, incontrarli insieme e sapere del loro legame di reciproca stima. Vorrei ricordare che l’amicizia non deve essere un passaporto d’approvazione quando si giudica una scrittura. L’obiettività è il più bel dono amicale che si possa donare, e la recensione di Stefanoni mi appare obiettiva.

 leopoldo attolico - 11/01/2016 17:11:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

In una nitida chiosa di Stefanoni leggiamo di "valori forti", di referenti che al di là della retorica e dell’enfasi designano ragioni di vita e di scrittura imprescindibili ma purtroppo ormai latitanti nella poesia che oggi ci occupa. Credo che questa circostanza accrediti felicemente l’Autore del libro in questione e lo collochi in un ambito - ormai raro - di ideale prezioso antagonismo .
Un augurio e un saluto
leopoldo attolico -