Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Rosetta Sacchi
Nell’erba incolta ecco una calla

Sei nella sezione Commenti
 

 Dedalus - 31/03/2020 18:12:00 [ leggi altri commenti di Dedalus » ]

Tipica espressione della poesia moderna con una creazione cruda che porta a riflessioni ben lontane dai fervori romantici pur emulandone velatamente le caratteristiche. Squisito quadretto d’una passeggiata in assoluta solitudine ed il ritrovar in mezzo al "pattume" una calla simbolo della purezza e del candore, di desideri, di emozioni e sentimenti più o meno celati, espresso in un linguaggio che è di tutto rispetto e per stile e per scelte lessicali.