Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Rosetta Sacchi
Ricorrenze

Sei nella sezione Commenti
 

 Dedalus - 21/05/2020 23:14:00 [ leggi altri commenti di Dedalus » ]

E la poetessa parla con se stessa come in confessione, un narrarsi ripetuto più volte nel tempo e nel corso della sua vita, un dialogare costante e serrato, che è più un monologo che un dialogo, in cui dice di luoghi e di fiori, di rose appassite e "di foglie a stormi e di stagioni tristi". La sua memoria
"Esonda come un fiume in piena/ed io travolta dall’impeto mi dimeno", Nella vita di ognuno di noi ci sono corsi e ricorsi, ci sono momenti belli e momenti tristi, qui si arguisce che sia questo il mese che alla poetessa riporta fatti ed eventi che hanno segnato il suo divenire. Lirica stupenda.