:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Rosetta Sacchi
Poi non so se sarà Primavera

Sei nella sezione Commenti
 

 Dedalus - 26/01/2021 20:56:00 [ leggi altri commenti di Dedalus » ]

Versi da cui emerge uno stato di instabilità che ci viene fatta percepire attraverso moduli inconsueti come se fossero passati attraverso uno spiraglio per una maggiore nitidezza. La lirica esterna con termini che metaforizzano, e questa è stata sempre la sua tendenza nel verseggiare, uno stato di malessere, un dileguarsi di aspettative, accompagnato dal grigiore dell’inverno; un grigiore che mette in dubbio il possibile anche ritorno di una primavera, primavera vista come speranze nel futuro "quando sarà tutto bianco il grigio asfalto/Poi non so se sarà Primavera", per poi aprire (anche se con un forse) quella fessura, da cui s’intravede tutto il gelo dell’anima, alla speranza, di cui dianzi, nell’ultimo verso "Forse al primo chiurlo rincorso tra i rami ignudi". Molto bella.