:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Rosetta Sacchi
Le mie mani

Sei nella sezione Commenti
 

 Dedalus - 13/06/2021 16:08:00 [ leggi altri commenti di Dedalus » ]

Anche se con tonalità più leggere ma effetti più marcati prende a parlare delle sue mani, guardandole da diversi punti di vista e mettendole sempre sotto un riflettore, ed è abbastanza semplice immaginarne la voce mentre ci dice "Hanno annodato e districato grovigli/hanno sfidato teoremi/hanno sanato incrinature". E, per riuscire acomprenderne l’alta liricità occorre ascoltarla con una sensibilità sempre nuova che si rinnova con il mutare continuo del linguaggio. Nella sua poetica c’è un certo modo di porsi e di partecipare, un proiettarsi sempre oltre la barriera rappresentata dalla propria "siepe" e dalle proprie vicissitudini "Forse un dì somiglieranno molto/a quei rami spinosi irti nell’aria/dove il vento approda".