:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
Come due braghe al mercato

Sei nella sezione Commenti
 

 Maria Musik - 09/09/2008 17:41:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Grazie alla mia felice ignoranza mi sono potuta permettere il lusso di godermi il tuo bellissimo scritto senza dover da metafisico confutare le tesi del filosofo matematico (o matematico filosofo? boh!).
Il paragone con l’estasi dell’orgasmo che si tramuta in dolore se l’onda, raggiunta la riva, non si ritira è perfetto e comprensibile da tutti o quasi, perchè parte dell’umana esistenza. La conclusione: un’illusione... non fa una piega.

 Lorena - 08/09/2008 09:28:00 [ leggi altri commenti di Lorena » ]

A volte immagino di camminare su un binario interminalbile e diritto.
Mi trovo nel mezzo alle due rotaie immaginate due rette parallele e in un laggiù lontano vedo unirsi quelle due rette. E’ l’infinito!
Allora cerco di raggiungerlo, giacchè vedendolo penso sia raggiungibile.
Ma camminando verso di esso mi accorgo che la distanza tra me e quel punto è sempre la stessa.
Non mi scoraggia il fatto di non poterlo raggiungere ma, anzi, mi consola quello di poterlo vedere e quindi conoscere.