:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Maurizio Soldini
La nostra poesia

Sei nella sezione Commenti
 

 Paolo Ottaviani - 10/04/2013 10:10:00 [ leggi altri commenti di Paolo Ottaviani » ]

“…non tradire un canone, che si è formato nel tempo e che non può non essere rimodulato in un canovaccio, in cui passato presente e futuro si embricano indissolubilmente”. A parte il “si embricano” - che nulla aggiunge al più modesto e puntuale “si sovrappongono” - sono parole da sottoscrivere così come tutto il resto della recensione. Complimenti a Maurizio Soldini e soprattutto agli autori de "L’evoluzione delle forme poetiche" Ninnj Di Stefano Busà e Antonio Spagnuolo.