:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Vincenzo Corsaro
Un giorno mentre camminavo (1973)

Sei nella sezione Commenti
 

 Emanuela Lazzaro - 17/03/2021 20:54:00 [ leggi altri commenti di Emanuela Lazzaro » ]

Si mi piace, è molto suggestiva, ti sei dato da fare, anch’io in questo periodo sono meno attiva poichè sto studiando per un esame di stato che avrò fra un mese circa, forse, chissà, mah...

 Vincenzo Corsaro - 17/03/2021 15:28:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Corsaro » ]

Grazie a tutte e due per i commenti. Un bel gesto, sia che lo si fa o lo si riceve, è sempre una gran bella cosa e bisogna coltivarla finché diventa un’abitudine di vita se vogliamo che quest’ultima sia migliore e "umana". Penso che mi prenderò un periodo di pausa visto che ultimamente nei pochi commenti che faccio, qualche volta sono disattento e guarda caso proprio con voi due!
Per Manu, te la ricordi? Poi l’ho finita ancora a gennaio, non so se ti piace ma m’è venuta così.

Sulle bianche scogliere

Quando l’amore mi prese per mano,
Il senso delle cose intorno a me
sfumò sulle bianche scogliere dell’irreale.

Mi ritrovai fuori dall’unica vita che avevo vissuto,
la porta si chiuse alle mie spalle
e un mondo sconosciuto si aprì davanti a me.

In quel luogo che non c’è,
vidi accendersi i colori del buio
e sentii i suoni del silenzio danzare nell’aria.
Erano i colori e i suoni dell’amore
che giunse come affilata lama d’aratro
rivoltando in solchi la mia vita
e sradicandomi da dove giacevo senza amore.

Fiorì in me
foggiando un nuovo futuro
alla mia nuova vita appena sbocciata,
avvolse con un velo il mio destino
e abbracciò la solitudine della mia anima.

 Emanuela Lazzaro - 16/03/2021 22:59:00 [ leggi altri commenti di Emanuela Lazzaro » ]

Non è che quel bambino eri tu? Mi sembra raccontato al contrario... il che sarebbe molto originale e bello...

 Graced - 16/03/2021 18:04:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Bellissimo gesto, caro Vincenzo, ciò che uccide l’anima delle persone è l’indifferenza degli uni contro gli altri. E invece ci dev’essere quella solidarietà da donare a chi ne ha bisogno, fa bene a chi la dona e a chi la riceve. Si vive più contenti e in armonia con la vita anche per piccoli, grandi gesti. Un caro saluto da Grazia.