:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Poco allegretto”, di Manuel de Freitas [collana Poesia]
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Maria Teresa Schiavino
Bad Hochmoos

Sei nella sezione Commenti
 

 Francesco Innella - 08/08/2014 18:48:00 [ leggi altri commenti di Francesco Innella » ]

Bella poesia mi ricordi Pavese. Ciao

 Maria Teresa Schiavino - 07/08/2014 09:11:00 [ leggi altri commenti di Maria Teresa Schiavino » ]

Grazie per i commenti! Si, Cristiana, la "valle primordiale" è in realtà il fantasma da disperdere: quando un paesaggio riapre ferite dolorose, quando nasconde in sé presagi già avverati, allora la bellezza stessa fa male, e fuggirla dà un momentaneo sollievo. Momentaneo, perché il dolore spinge a una continua fuga da un luogo a un altro, nell’illusoria idea di disperderlo.

  Cristina Bizzarri - 06/08/2014 19:34:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Mi è piaciuta molto. Questo senso di straniamento, le due persone che dicono due diversi stati dell’essere. E come sono resi suggestivamente l’atmosfera, il paesaggio (interno ed esterno) ...

 cristiana fischer - 06/08/2014 09:46:00 [ leggi altri commenti di cristiana fischer » ]

anche in questa tua lo sdoppiamento tra presente e passato e tra due "lei", che quasi non si conoscono, le conosce e le prende in considerazione l’autrice, stretta a un presente tuttavia misterioso "Meglio l’odore stantio di vecchie case/mai prima abitate": allora quel passato "valle primordiale" è in realtà fantasmi da disperdere?