:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Laura Turra
Ancora cogliere fiori

Sei nella sezione Commenti
 

 Laura Turra - 04/01/2020 16:45:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Nando, ritrovo qui, nelle tue parole, la tua affezionata attenzione e il tuo grande cuore.
Dirti grazie non è mai abbastanza...
Tanti cari auguri per il nuovo anno, erba fiori frutti e alberi e neve e nuvole, tante meravigliose albe e tutto ciò che desideri. Un abbraccio

 Ferdinando Battaglia - 04/01/2020 14:20:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Per il poeta si formano ovvero restano sempre degli spazi d’aria, degli interstizi dove la vita attende silente di essere detta, ché il dirla e prendersene cura, prendersi cura delle parole, parole e fiori, il dicibile e il detto, entrambi corrispondenza del nostro esilio, noi nel qui ed ora "stranieri", eppure amanti di questo luogo provvisorio, un transitorio recludente, che tuttavia non vela per il poeta l’epifania dell’amore, poiché se "ciò che non ami non dura", ciò che ami trasfigura, foss’anche la solitudine di un esule o di un prigioniero in una cella.
Laura Turra torna ovvero rimane coi suo versi, curati nella forma come ricerca di bellezza, a quella pregnanza della parola, davvero l’estrema possibilità d’udire l’indicibile, parola non tanto come verbo quanto come segno e, per lo sguardo del poeta (poetessa in questo caso), ogni veduto si fa visione, appunto segno di quell’Altrove (intuito, agognato, distanza dell’esule) che ci fa "stranieri" nel qui ed ora.

Sempre un’esperienza poetica è leggere i tuoi splendidi versi

 Laura Turra - 12/11/2019 11:17:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Rosa Maria, è gioia ritrovare le tue parole… grazie infinite!

 Rosa Maria Cantatore - 12/11/2019 11:14:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

quante cose dici, qua, che io condivido ed ho sempre pensato: il nostro essere "stranieri in questa terra", l’amore che rende vivo e duraturo ogni atto, ogni gesto...
Lo ripeto ancora una volta? Adoro le tue poesie.

 Laura Turra - 11/11/2019 14:00:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Ferdinando, sei ricco e generoso oltre che nel verso poetico anche nei commenti. Col cuore sempre grato ti abbraccio

 Ferdinando Giordano - 11/11/2019 11:29:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Giordano » ]

Sei il bell’esempio di respiro lirico, di speranza in scritta: sei da seguire, bellanima parca (che lavora al filo della vita, per te che sai intendere anche la sobrietà). Grazie, sempre.

 Laura Turra - 09/11/2019 20:47:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie Lino, grazie infinite per avermi letto. Buona serata

 Lino Bertolas - 09/11/2019 18:11:00 [ leggi altri commenti di Lino Bertolas » ]

C’è sempre questa tua leggerezza che aleggia nei tuoi versi e un sentimento delicato e allo stesso tempo forte nell’esprimere l’amore per la vita attraverso la poesia. Un saluto.