:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Salvatore Pizzo
Ricorre

Sei nella sezione Commenti
 

 Salvatore Pizzo - 29/01/2021 02:25:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Annalisa:
<’Che a noi spetta (e a chi altro?) di vivere di osare respirare
aria nuova d’ossigeno puro pregando

alla luna,

di darci sostegno...

un abbraccio.>

Grazie di cuore anche per queste tue splendide parole, mia cara amica.
Anche a te un abbraccio ed un più che caro saluto.

 Salvatore Pizzo - 29/01/2021 02:19:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Vincenzo:
Magico Guccini! Grazie di cuore anche per averlo citato, oltre che per la lettura molto sentita.
Un notte di sogni felici a te

 Salvatore Pizzo - 29/01/2021 02:16:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Giovanni:
Ci sono momenti in cui orrore e meraviglia si compenetrano, lasciandoci sbigottiti.
Grazie di cuore.

 Annalisa Scialpi - 28/01/2021 18:47:00 [ leggi altri commenti di Annalisa Scialpi » ]



Che anima visionaria: meravigliose queste immagini che si dilatano, sfuggono dal controllo, s’impongono...

Tuttavia penso che il rammarico si debba lanciarlo,

coi gabbiani, oltre la riva.

’Che a noi spetta (e a chi altro?) di vivere di osare respirare
aria nuova d’ossigeno puro pregando

alla luna,

di darci sostegno...

un abbraccio.


 Vincenzo Corsaro - 27/01/2021 07:51:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Corsaro » ]

I tuoi bei versi fanno rivivere nei nostri cuori ciò che è avvenuto in quei luoghi, che ci serva da monito e mai più atrocità simili. Mi viene in mente la canzone do Guccini
"Il fumo saliva lento
Nel freddo giorno d’inverno
E adesso sono nel vento…"
Serena giornata Turiddu :)

 Giovanni Rossato - 26/01/2021 10:16:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Versi meravigliosi nel loro raccontare l’orrore.
Grazie Saalvatore