LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Abraxas
Gi������������ il sipario, l������������������ultimo atto ������������ terminato.

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
L'esordio da fiasco: che fischi, che lazzi,
che tirate d'orecchi, che giorni da pazzi.
Il primo atto va in scena: un corteo
funebre ad aprire il racconto, poi tutto
un susseguirsi di sciagure e drammi
di vite segnate dal pianto e dal lutto.

Il secondo atto una danza d'amore:
ora dolce, ora frenetica, mai felice.
Gli attori recitano a soggetto, la regia
si limita a suggerire il canovaccio,
le donne se le danno di santa ragione
prima di scegliere un altro a casaccio.

Al terzo atto gi il pubblico sfolla:
non succede nulla, non cambia niente.
Solo uno muto parlare che invece
di accendere scintille, acquieta la mente.
E' il trionfo del banale: il protagonista
recita un monologo nel vuoto deprimente.

Il finale l'ha scritto una mano ispirata:
c' una morte da raccontare, la fantasia
pu lavorare di fino, agitare emozioni
per quell'istante che forse vale la serata,
tra musiche struggenti e tristi canzoni.
Gi il sipario, l'ultimo atto terminato.

 Abraxas - 10/01/2013 07:56:00 [ leggi altri commenti di Abraxas » ]

hai inteso bene, una metafora sulla vita con spunti autobiografici. Grazie per l’attenzione.

 Carla de Falco - 09/01/2013 20:23:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

ti premetto: sono un’emotiva, nei giudizi.
ho trovato questa tua una metafora sulla vita e sulla poesia.
forse sono lontana da ci che tu intendevi, ma l’ho trovata semplicemente bellissima.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.