LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Alberto Vailati
A luce fioca

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Si stava spegnendo un’altra giornata; il vento pareva essersi fermato e scordato fra le colline brumose, rami, foglie e nuvole pazientavano silenziosi e immobili, mentre le ombre si allungavano e saturavano di pece i colori autunnali.
Gianni camminava greve e un poco incurvato; sorrideva fra sé, era soddisfatto per come aveva saputo tenere testa a Giulia: quaranta anni entrambi, si conoscevano e frequentavano da un paio di lustri. Amici, nient’altro che amici, seppure in un paio di occasioni le loro labbra si fossero sfiorate e le mani strette e accarezzate. Esagerata la timidezza e la desuetudine per le cose amorose. Erano in grado di viaggiare insieme, dormire nella stessa stanza e confrontarsi come fossero sposati, pure litigare e strillare.
Ma il sesso no, troppe complicazioni.
In compenso le loro menti si mischiavano e stuzzicavano in continuazione. Nello scrivere storie, nel cercare spettacoli da assaporare, nel leggere smaniosi libri più o meno pubblicizzati, di sconosciuti o artisti sulla breccia. La lettura era il loro collante e orgasmo compiaciuto e ricambiato. Allungò il passo: la notte stava allargando la sua coperta inodore e tentava di intimidire i primi fiochi lampioni e Gianni voleva velocemente rincasare e dimostrare a quella bisbetica cocciuta, quanto LUI avesse ragione e LEI torto.
Si erano dati appuntamento per cena, qualcosa di veloce seppure stuzzicante, un buon rosso rubino da odorare e degustare e l’ultima opera controversa da analizzare.
Era pronto, attese. Con l’uscio socchiuso. Aroma di minestra danzava per le scale, si infilava in ascensore e impregnava il tappeto in finta moquette. Rumore di telegiornali, voci frastagliate e male articolate, a rimbalzo fra i muri, quasi fossero palline da ping pong.
La sentì, era il suo modo di armeggiare con le chiavi, erano i suoi passi timidi, simili ad anime timorose che continuano a chiedere scusa. Si scostò, non poteva di certo dare a vedere come fosse da tempo, lì ritto, in attesa. Profumata, bouquet di vaniglia, lunghi capelli castani, lisci a proteggere il viso arguto, stigmatizzato da un naso incurvato all’insù. Labbra carnose buffamente contornate da una bionda peluria sottile e impalpabile, quanto quella di una bimba, sempre pronte però, a serrarsi e sbattere veloci, fosse solo per difendere un’opinione. Una mano esile sollevava la forchetta, l’altra decisa sfogliava il tomo da poco acquistato. Alzò gli occhi, lo fissò sorniona e “la lettura di un testo richiede una mente vogliosa di apprendere e spirito di condivisione. Come puoi dire che non ti ha emozionato? Come fai a rimanere insensibile a un linguaggio così ben dosato e armonico? Come puoi non immedesimarti in questa donna, nelle sue sofferenze e patimenti?”. Giulia parlava, anzi arringava, come suo solito; stasera stranamente Gianni non sapeva concentrarsi. Non vedeva il cuore ma la scollatura, non il cervello, quanto il fondoschiena. Non le parole,ma quella lingua rosata che saettava e sapeva sicuramente di buono. La fermò lambendo con la mano incerta la fronte e scostando la frangia. Si fissarono increduli. Si avvicinarono e baciarono.
Come in un libro dal lieto fine, la stanza si permeò di silenzio e ovattò nei sospiri. Il vento riprese a soffiare e sbattere sulle facciate delle case, divertendosi a spegnere e illuminare le finestre a intermittenza.
A luce fioca impararono ad amarsi

 Ivan Pozzoni - 02/01/2018 17:06:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Bello! :-)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.