LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Alberto Castrini
Treni strettamente sorvegliati

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Bohumil Hrabal è giustamente ritenuto uno dei più importanti scrittori cechi contemporanei.

Nato a Brno nel 1914 e morto a Praga nel 1997 testimonia nei suoi scritti lo spirito malinconico di questa terra.

Nella sua vita zingaresca praticò mille mestieri prima di approdare a quello di trascrittore, come si autodefiniva, perché le sue storie rudemente ordinarie sono assorbite principalmente dalla vita di birreria.

N’esce uno stile originale, fortemente basato sull’oralità, le chiacchiere e i monologhi da ubriaco.

Il racconto, ambientato nella Boemia del 1945, in perfetto humour agrodolce, come vari piatti della cucina locale, è veramente spassoso.

Milos, incasinato ferroviere con una famiglia di singolari personaggi, è affetto da eiaculatio precox.

Umiliato nella propria virilità, tenta il suicidio, ritorna al lavoro ma sempre col tormento fisso.

S’adopera per un’azione partigiana di sabotaggio di un treno militare tedesco, conosce fugacemente una bella e disponibile attivista e finalmente dimostra la sua mascolinità.

Detto questo, parrebbe la solita insalata di lattuga. No! Perché l’importante è il condimento e gli ingredienti accessori.

Il condimento è quest’ironia, che ha prodotto testi esemplari come “Il buon soldato Sveik” di Hasek.

Anche le pagine più meste sono leggère e riescono a far sorridere.

Il nostro “eroe” è teneramente accompagnato tra le vicende; chiederà aiuto per il suo problema, persino alla moglie del capostazione, fino all’innocente dichiarazione di verginità alla bella staffetta.

Il tutto con una visione della sessualità candidamente primitiva.

Imperdibile l’interrogatorio, da parte del burocrate di turno, del collega, reo d’avere interamente timbrato e fotografato il culo della prosperosa telegrafista.

Questo libro, dal quale è nato un bel film in bianco e nero, vincitore dell’Oscar nel ’67, introduce alla conoscenza di un agire diverso dal nostro abituale, dove pure nel finale scalognato, non c’è la minima traccia d’odio verso il nemico.

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.