LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Alessandro Ferrari
Tutti questi anni

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
TUTTI QUESTI ANNI

Saltai fuori nel bel mezzo della notte,
e subito rischiai di non far parte del gruppo
così promisi che avrei corso sin quando avessi avuto vita,
e giurai che avrei spinto sin quando ne avessi avuto forza
ma corsi come un cieco e lasciai i miei sogni a sbandierare
nel vento, troppo a lungo,
e la pioggia è caduta e la strada è smarrita
e gli anni sono passati,
attraverso foreste di gente che ho conosciuto;
questi anni sono passati
tra musica amata e libri da leggere;
tutti questi anni
tra tragedie nel mondo che non avresti mai pensato.
E quando hai un attimo di tempo e ti fermi a tirare il fiato
Ti accorgi che sono passati in un respiro.

Ero ancora troppo piccolo per vivere
una mancanza così grande e mi aggrappai a me stesso
e alle ombre della camera. Il pilota volò in cielo tra lamiere e benzina
la mia piccola addolorata anima vomitò parole e non smise più
e creò nuovi eroi e realtà che vedevo solo io
nel buio, nella luce,
e le pagine scorrono e gli amici scappano
e gli anni sono passati
attraverso un mare di foto che ho scattato
questi anni sono passati
tra musica imparata e libri ideati
tutti questi anni
con le centrali che esplodono e i grattacieli che cadono.
E quando hai un attimo di tempo e ti fermi a tirare il fiato
Ti accorgi che sono passati in un battito di ciglia

Entrai nel mondo del fuoco e dell’acciaio
L’acciaio andava sollevato e strappato, il fuoco era nel cuore
Là imparai a dare il meglio di me e appresi
che non mi sarebbe mai stato sufficiente
Ma ancora strinsi i denti e vidi il mio sangue
sulle mani, per terra.
E le sconfitte bruciano e le vittorie inebriano
e gli anni sono passati
attraverso un mare di medaglie che ho preso ed ho perso
Questi anni sono passati
Tra obiettivi sfuggiti e vittorie troppo piccole
Tutti questi anni
con quei cinque cerchi mai raggiunti a segnarmi l’anima
e quando inciampi in una notte in cui non riesci a dormire
Ti accorgi che sono passati nel tempo di un applauso.

Poi arrivò il mio grande fratello con la chitarra
e quella voce potente che non mi lasciò più
lo misi assieme agli altri maestri: lo scrittore che boxava,
il dottore che sparava, gli uomini con le piume nella prateria,
il cow-boy di carta e l’inventore di Macondo.
Il vento della montagna come motore
E le storie della strada dei tuoni e la terra promessa
E gli anni sono passati
Tra chitarre comprate e spartiti imparati
Questi anni sono passati
Con gli occhiali smarriti e incidenti scampati
Tutti questi anni
Con le file ai concerti e biglietti strappati
E quando ti imbatti nella canzone giusta alla radio
Ti accorgi che sono passati nel tempo di un assolo.

Mi persi, un giorno, d’estate
in un improvviso grande dolore
e il mio sangue
che cadeva sulla polvere bianca
non coagulava
e non aveva nulla di nobile.
Sconfitto
salutai una parte di me
che non avrei visto più.
Sconfitto,
gridai NO al cielo
con quanto fiato avevo
e infine entrai in un buio tunnel di dolore.

Sconfitto ma non domo tornai sulle vecchie strade
E mi trovai migliore di prima perché il dolore fortifica
Ripresi i miei maestri e lastricai ancora la strada
D’oro, d’argento e di bronzo e la feci brillare
Per un’ultima splendida volta
E mi misi a correre verso nuovi sogni che lassù
Chiamavano impazienti.
E ancora gli anni son volati
Davanti ai miei occhi di bimbo mai cresciuto
Questi anni sono passati
Nelle mie mani curiose e ferite
Tutti questi anni
Col giuramento eterno fatto ad una donna che veniva da lontano
E quando, a volte, ti fermi a pensarci ascoltando il mare
Ti accorgi che non sai da dove sono passati.

Vorrei avere un quadro per ogni volto che è passato di qua,
per ogni compagno scomparso, per ogni affetto smarrito,
per ogni promessa tradita; vorrei una foto per ogni luogo
che ho amato, per ogni bacio che ho scambiato per ogni
vittoria che ho avuto
durante tutti questi anni
coi programmi mai finiti e le rivoluzioni fallite,
tutti questi anni
tra impegno e delusione da ingoiare ogni giorno;
tutti questi anni
con i miei eroi inventati e la natura che amo.
E appena guardo dentro il cuore
Scopro che tutto è rimasto davvero lì.
Tutti questi anni.

 Ivan Pozzoni - 07/01/2018 00:45:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Complimenti, davvero: molto interessante!

 Franca Alaimo - 24/07/2011 12:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Una sintesi poematica della propria vita. Biografia, storia, eroi veri e immaginati, amori, vittorie e sconfitte; il tutto rammemorato con profonda nostalgia e la consapevolezza che non si finisce mai di bruciare nella fiamma del cuore e di compiere errori.
Ma la forza che esprimono questi versi è un invito a vivere comunque, in cerca di nuove mete.
Molto gradevole la lettura.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.