LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Alessandra Ponticelli Conti
Pensare

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Firenze. Sabato, 3 giugno.

Prima voce della lista: andare in farmacia.

In farmacia, incontrare una vecchietta di ottantuno anni, sola, ammalata di polmonite, in cura con la chemio, e offrirsi di accompagnarla a casa in macchina.

Pensare...

Pensare a quanto faccia schifo il mondo.

Scontrarsi, a brutto muso, con l'altra faccia dell'estate. Quella che molti fanno finta di non vedere. 

Incazzarsi.

Commuoversi, fino alle lacrime, quando la vecchietta, sparendo come un fantasma dietro il portone, che si chiude, mi saluta agitando le sue mani piccole piccole.

Tanto piccole da sembrare mani di bambina.

Pensare...

Pensare, con disgusto, a quanto faccia schifo il mondo.

Sempre.

E non solo d'estate.

 Alessandra Ponticelli Conti - 14/06/2017 14:49:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Carissimo Nando,
grazie!

 Nando - 08/06/2017 06:54:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

È un testo di prosa poetica ovvero è una vera poesia, che in pochi tratti descrive un affresco sociologico ed antropologico direi pure, poiché quella solitudine e abbandono non appartengono alla natura umana, ma sono un prodotto culturale e sociale, sono ciò che siamo diventati come struttura organizzata di società, i nostri valori o meglio disvalori; in tempi remoti o in altre civiltà oppure etnie - pensiamo alle comunità tribali - non era così, anche se probabilmente potevano esserci altre esclusioni. Ecco, possiamo parlare di esclusione: il nostro modello economico e sociale tende ad escludere la persona e ad includere il "funzionale" al sistema. Infine, il testo ha anche un valore filosofico o teologico, poiché richiama una specifica finalità umana: la fraternità.
Come sempre, maestra di scrittura, hai saputo restituire , in trasfigurazione narrativa qui, un dato del reale.

Un forte abbraccio

 Alessandra Ponticelli Conti - 07/06/2017 13:44:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Carissimi Antonello e Giacomo, grazie per avermi letto!

 Giacomo Colosio - 04/06/2017 14:43:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Bello questo miniracconto, che fa pensare...io trovo geniale il contrasto bello brutto, buono cattivo...la penso come te sul mondo, e tuttavia credo che la buona azione metta ancor più in risalto la bruttura del mondo attuale, visto che non se ne fanno più...ciaociao

 Antonello Farris - 03/06/2017 17:58:00 [ leggi altri commenti di Antonello Farris » ]

Beh, Alessandra, ti leggo per la prima volta e mi dai da pensare! Scherzo...Tu dici che il mondo fa schifo. Ma il tuo gesto di aiutare la vecchietta ammalata è bellissimo.E allora perchè questo pessimismo cosmico? Nel mondo ci sono anche molte persone che come te compiono bei gesti. Non so... Appena ho tempo leggerò le altre cose che hai scritto, voglio conoscerti meglio.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.