LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Alfredo Rienzi
Partenze e promesse. Presagi

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Partenze e promesse. Presagi di Alfredo Rienzi, puntoacapo Ed., 2019
Motivazione critica per l'assegnazione del 3° premio -
Concorso Chiaramonte Gulfì, 28 luglio 2020
 
di Gianluca Asmundo 
 
 
"La parola che, detta, si dissolve": l'incipit della silloge reca in sé un affascinante slittamento rispetto alla nota enunciazione di Emily Dickinson, manifestando la personale poetica di Rienzi. Convince l'originalità della dialettica fra i contenuti, scorti tra dissolvenze di luci e ombre, e una voce in grado di dar forma plastica alle poesie, nello svolgersi di una raccolta nella quale si assiste a una modulazione dei temi e dell'èpos che la rendono un unico poema affrescato su pietra o narrato e trasmesso oralmente, consci del valore del buio e delle sue possibilità germinative. In un universo poetico e lessicale dalla spiccata musicalità, l'autore costruisce un dialogo senza soluzione di continuità con una natura che è ancora linguaggio, improntato all'appartenenza o alla ricerca della stessa pur accettando l'erranza, e al "riannodarsi di fibre" calcando orme di generazioni passate e future, in spazi dimensionati dal tempo di aurore e tramonti. Emerge un lavoro dall'alto valore concettuale in merito al tema dell'impronta lasciata dal segno e alla relazione liminale tra i due elementi: nell'indefinitezza consapevole della linea d'ombra di una parola transitoriamente bagnata da luce arcaica, si svela una densità intravista, che rimane in parte inafferrabile, ma in parte percepibile e immaginabile.
 
 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

DA LEGGERE PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DI UN COMMENTO
Nessun utente può gestire i commenti pubblicati, solo LaRecherche.it può farlo.
La rimozione di un commento da parte di LaRecherche.it non equivale alla cancellazione dello stesso, il commento, in prima istanza, verrà tolto dalla pubblicazione e sarà cancellato soltanto se non costituirà possibile prova del venir meno al Regolamento, in ogni caso la sua cancellazione definitiva o meno è a discrezione di LaRecherche.it.
Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.