LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
Quando risuona l´┐Ż´┐Ż´┐ŻAsham

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarÓ subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarÓ letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. SarÓ inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi¨ veloce per commentare Ŕ quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, Ŕ possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, Ŕ possibile che tu abbia giÓ impostato tale servizio: [ autenticati ]
Risale per nodi la mano l'll bukhara

arrampica piano la scelta, l'll rimando,

la disposizione segna radure,

approdi, rifugi del sangue

la regola l'll movimento

filtra la supplica,essuda l'll pensiero

purifica, la montagna si fa copricapo

sua kuffiya, la radura moschea

a tenere segreta la luce ,come d'inverno

era scalzo  l'll tempo di Amina

l'odore dei nascondigli esploso sul viso in minimi gesti

Patate e riso,a Shimshal

aveva barattato yak con jeki brillanti

melograno con latte e chapati

Su un fuoco  ottanta mondi lontano

Mogù a terra, tiene una pentola grande

un piatto di ferro di riso e fagioli 

bruciava dell'aglio contro la piana

della paura strofinava l'll suo fianco

annusando la luna

Una donna sbatteva la luce di là dall'amore,

dentro un mortaio sul tetto del cielo di Srinagar

cospargeva di semi di lino

un seno inquieto di neve

tra i più belli d'oriente,tra acqua e montagne

cuoceva gli agnelli del caspio e di Dio

mentre pregava il ritorno della sua mente

-stretta tra i ghiacci del Pir Pnajal-

invocava il richiamo del muezzin

di Roza Bal,della fede

quando risuona l'Asham

 

 

 Amina Narimi - 26/10/2012 21:58:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Gentile Cristina le tue parole mi danno coraggio nel narrare la storia e motivo di chiarire che
da "l’ll"non riesco pi¨ a distaccarmi.Inizi˛ per caso quando digitando un testo sul mio telefonino vedevo che sempre l’articolo "il" si componeva automaticamente in "l’ll"...-una formula inglese per formare il futuro- sono passati mesi e mi ci sono affezionata;ora anche se scrivo di mio pugno mi esce -l’ll-

invece gli altri nomi strani fanno riferimento a luoghi visitati,a ricordi,come la kuffiya l’ll copricapo arabo o la cittÓ di Shimshal dove baratti ogni cosa per vivere
Mog¨,invece,significa "io posso", fu la risposta di Anna Achmatova a chi la vide in fila negli anni cinquanta davanti al carcere di Lubjanka e le chiedeva se poteva descrivere la storia dei campi di sterminio del poema di Isaak Katzenelson rinvenuto da sotto una quercia.
Mog¨ Ŕ il possibile,la forza di volontÓ.
Ti ringrazio Cristina Spero tornerai a leggere,a darmi consigli

 cristina bizzarri - 26/10/2012 19:12:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Trovo bellissima questa tua poesia che Ŕ soprattutto narrazione. Ci sono cose che non capisco, per esempio "l’ll" e alcuni termini di cui ti chiederei di scrivere note esplicative. Potrei apprezzarla e comprendere meglio il suo significato!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrÓ data la possibilitÓ all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignitÓ dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarÓ tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrÓ essere anche negativo ma non dovrÓ entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu˛ sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarÓ memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrÓ essere messo a disposizione dell'autoritÓ giudiziaria.