LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
l´┐Ż´┐Ż´┐Żuccello canter´┐Ż´┐Ż pi´┐Ż´┐Ż forte ay mama

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarÓ subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarÓ letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. SarÓ inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi¨ veloce per commentare Ŕ quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, Ŕ possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, Ŕ possibile che tu abbia giÓ impostato tale servizio: [ autenticati ]

accade che suoni lontanissimi

rimbalzino davanti, tra le cose,

una tempesta eterna dell'anima

-una delle meno conosciute-

serra di leggende di miraggi, ma

 

se gratti la terra dell'oasi se raschi la pelle

per tenere l’emorragia se appena cuci i lembi

coi tendini dei  salmi sotto più a fondo le ossa

sono ancora viventi le colate di ghiaccio

hanno trine negli occhi  e boschi di pioppi bianchi

tra le gambe azzurre laghetti di balene

minuscoli pastori Noi viandanti

umidi pascoli  tra le mani

cespugli spinosi per corona

sotto i piedi del mondo nel punto più a sud

dell'anima c'è un Luogo senza memoria,

una pelle che fa ruotare lo sguardo

dai gesti miti, un linguaggio sottile di tenerezza, là

dove si conduce il fuoco nella canoa

al nuovo capanno, per la festa dei fiori

di lana cantando l'amore delle balene,

quando il rombo del fiume diventa assordante

e le stelle tinte dal nero del Silbaco


l'uccello canterà più forte ay ay mama… 


facendo sorgere l'albero nell'orecchio

le radici nella mente

la chioma nel cielo intatto dell'anima


Io posso solo danzare portandoti un fiore spontaneo

                                                             per ritrovare l'Ombra dell'Uirapuru

tu puoi sentire avverarsi un desiderio

caduto per sopravvivere un sogno?

 

 

*"Uirapuru" è il nome sia di un attuale uccello amazzonico che di una creatura mitologica.
Nella piovosa foresta l'uccello Uirapuru canta una sola volta in un anno, quando costruisce il nido;
raramente anche alle prime luci del mattino.
Secondo quanto racconta la leggenda, il canto dell' Uirapuru è così bello che tutti gli altri uccelli smettono di cantare per ascoltarlo.Sia nella leggenda che nella realtà l' Uirapuru è simbolo di rara bellezza

Si tramanda che poterlo ascoltare porti felicità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Il buon ladrone - 02/08/2013 21:38:00 [ leggi altri commenti di Il buon ladrone » ]

Permettimi d’inchinarmi alla Tua Poesia. Non ho altre parole, non ho giustificazioni, non ho teorie letterarie. Mi resta lo stupore dello stolto di fronte al mistero e alla bellezza.

 Alessandra Ponticelli Conti - 02/08/2013 20:42:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Grade lirismo, come sempre. Splendida! Ciao Amina.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrÓ data la possibilitÓ all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignitÓ dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarÓ tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrÓ essere anche negativo ma non dovrÓ entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu˛ sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarÓ memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrÓ essere messo a disposizione dell'autoritÓ giudiziaria.