LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
L������������������io ������������ il miracolo del tu

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Segnava le burrasche sulle braccia

della terraferma,  per ogni suono un segno

l’amore che sogni nella pagina tra i rami ,

dove siamo già nati, levigando

passandoci il cuore saliva dagli occhi

un movimento. Una cura è ancora viva :

la forza del colore che ricade

-il prezzo è la mancanza che batteva

scappata dalla carne la parola-

faceva  venire le ossa di cristallo

mentre m’innalzavi dai capelli in cielo

restando a penzoloni  le ginocchia

nelle crepe di corteccia  con i fogli

coi pastelli ,  quel poco che avevamo,

continuavi a trovare che ” l’io è il miracolo del tu”

per ciò che siamo.  attraverso gli alberi

inventa un nome allora ! che non torni via

dal viso, dal vento dai fiumi che porti nelle tasche

e  tutti quei bambini sulla schiena

dietro una rondine prima o dopo  finiremo

l’infinito? A retrocedere  le matassine dei fili

disordinando l’aria ..dimmi la verità…

 


   “bisogna fare come la bambina della scultura,

     allungare i piedi fin dentro alla terra,

                  e diventare alberi,

    attirando con i capelli i messaggi cosmici.” *


            Come la bambina- andavo ripetendo-

coi piedi dentro gli alberi

              e i capelli in cielo, a spostare il vento

A sfilare il sole. Per sempre

 

*Il Poeta del Parco, Lorenzo Mullon

Grazie Lorenzo..

 

 

 

 

 

 

 

 

 Amina Narimi - 23/08/2013 01:32:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Posso immaginarti Franca...sentirti salire: sfiorando le mie ginocchia che ancora portano i segni in braille di quelle rampicate, ancora oggi, al boscovecchio vado sola dagli alberi soffermandomi su quello anziano all’ingresso e sottovoce dirgli "buonasera".." a domani" poi ridiscendo andando via, poco pi avanti c’ la vecchia ballerina, una cipressa antichissima morta nell’atto di danzare con le braccia ancora protese in alto ad accogliere una corona..la accarezzo sfiorandole il seno; a met , nel cuore del bosco ci sono gli alberi terminali con le radici fuori dalla terra in fin di vita, hanno ancora una voce, un lamento che sibila le ultime volont dei Geni...se solo potessi mettere fine a quel dolore prima dei tagliaboschi!e cos fino in cima alla radura del tauro dove la quercia vecchia protesa sulla rupe..quasi a reggere tutto Monte Mario...
mia madre...tuo cugino...ecco dove mi hai condotto in questo Moebius infinito all’8 sdraiato..Grazie Franca, sei Speciale e Oltre su per quella scala ti stringo con affetto e tanta stima.

Grazie ancora Lorenzo caro...del soffio, del vento che Sei.

FerdiNando tu sei Tu...

 Franca Alaimo - 22/08/2013 18:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Anch’io, Amina, da bambina me me stavo a leggere e disegnare sui rami di un grande albero che cresceva in giardino: i capelli al vento, le mani sopra la corteccia, il sole, i profumi, sognando di diventare come un albero, le radici nella fisicit la testa nella mrtafisica celeste.
E da allora cos, poetando, poich la poesia fa da ponte fra l’una e l’altra dimensione.
Ricordi che mi hai suscitato: tu con accanto tua madre; io con un mio amato cuginetto.
La tua poesia, in genere, Amina; questa poesia: la scala di Giacobbe con tanti angeli nunzianti. Perci piaci tanto a Lorenzo, che un’anima bellissima.

 Lorenzo - 21/08/2013 23:01:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo » ]

L’io lo spostiamo con un soffio del cuore, e arriva il miracolo del vento. Grazie Amina..

 quattrostraccisullapelle - 21/08/2013 22:56:00 [ leggi altri commenti di quattrostraccisullapelle » ]

Magnifica Amina: "l’io il miracolo del tu". Come ha commentato qualcuno, ogni tua poesia un’epifania.
Bellissimo leggerti. Un dono.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.