LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
Per non morire da ci´┐Ż´┐Ż che non c´┐Ż´┐Ż´┐Ż´┐Ż´┐Ż

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarÓ subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarÓ letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. SarÓ inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi¨ veloce per commentare Ŕ quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, Ŕ possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, Ŕ possibile che tu abbia giÓ impostato tale servizio: [ autenticati ]

Hai toccato le vestirosse

ascoltando  tutta la verità

il vuoto dentro di ogni donna

lo spazio aperto l'accoglienza

usando la stessa lingua del silenzio

stranieri della stessa sete - Altro Amore

Essere anche te :

farsi sottili nello sguardo

di ciò che arretra con la calma

prendersi cura in contemplazione

educando gli occhi nello scambio

come incontrare i cervi in mezzo al bosco

imparati al sottile dei rumori

così fanno le parole quando passano

quando portano scaturendo dalla luce

un abisso di splendore : la materia

varchi di un'incertezza chiara

i segni del tempo- conoscerne la storia

immaginando i gusti lasciando essere

gli odori -fatti di pietà di confidenza

generando memorie in qualche luogo

                            d'intimi sconosciuti

 

La bellezza è saperti gli occhi-

l'attesa che mette su radici

una dolcezza che  sa dell'abbandono

è la grazia di una tenda

portata sul terrazzo da qualcuno

                    con le mani in cielo

dentro la tua vita. Non ti muovere

ora che hai saputo rimanere

fino a qui. Raccontami di Noi

dell'acqua del respiro insieme

del Ponte che guardi più di prima

con Altri occhi. A casa io

riconosco te nel fitto

come un polso che sia tenuto stretto

da come appoggi il cuore sul balcone

la tua carezza- ho visto

nella grazia della sete

 

L'abbiamo detto tacendo- amore-

per non morire, da ciò che non c'è.

 

 Luca Soldati - 16/10/2013 09:47:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

Ti leggo e mi viene in mente (non so quanto sia pertinente)ci˛ che sostiene il mio Paul Celan nel suo "meridiano" in merito alla "parola strappata al silenzio".

Ciao Amina

 Alessandra Ponticelli Conti - 15/10/2013 23:08:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Bellissima poesia!
" Non ti muovere/ ora che hai saputo rimanere/ fino a qui".
Magnifici versi...
Davvero complimenti, Amina.

 Leonora Lusin - 15/10/2013 13:45:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Bellissima Amina, piena di grazia e levitÓ.

 Ferdinando Battaglia - 14/10/2013 21:41:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

"Semplicemente" una poesia capolavoro, che non s’improvvisa, ma chiede lo scorticamento della pelle di una vita; riesco a dire poco, che sia degno di questo altro Tuo dono, Amina, se non lasciarmi andare alle calde lacrime della commoziomne dell’anima, come quando le accade di fare esperienza di Poesia.

Grato, MiainsuperabilePoetessa

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrÓ data la possibilitÓ all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignitÓ dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarÓ tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrÓ essere anche negativo ma non dovrÓ entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu˛ sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarÓ memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrÓ essere messo a disposizione dell'autoritÓ giudiziaria.