LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
La tua voce apre la porta a tutto ci�� che pu�� benedire

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
                                                                 Tu che non mi hai dato nulla, dici,
                                                                 nell’andare e venire,
                                                                 con gli occhi puri
                                                                 di un bosco che si alza,
                                                                 la tua voce apre la porta
                                                                 a tutto ciò che può benedire-
 
più riconoscibile di una madre
tutto è amore, nel solco della giada
la bava della pinna,
il vapore che si leva dal tuo bisso
come in piena,
il filo d’acqua che discende
fra le dita,
calde maestre delle mani.
 
Prego, poi mi bagno
come un pescatore nel suo mare,
mentre penetra il mistero,
porgendo alla sinistra
l’ultima terra del profondo,
col rigore, con la forza della carne.
Allevata nella coppa del tuo hara
 
è salita col respiro una bambina,
dalle caviglie fino ai reni, in una danza
si è fatta sottilissima, poi sciolta-
non altro, nella luce del tuo corpo,
non altro che un orecchio.
Mutare generando un atto magico, è morire ?
 
Nelle acque della crescita lei canta
saltando la sua corda, per restare
un lievito, soltanto? - Se si volta
nella spira del tuo soffio, io la vedo,
resa l'anima, che muta-
nella spada di ferro più lucente
aperta la sorgente sopra i fianchi-
liberando i nostri morti
 
con la vita. Si precipita nel viso,
come un sale dentro il pane,
in un'albera le ossa, e ogni vertebra
è l’anello che si sfila dalla bocca
un nodo di energia, la vera stella,
la congiunzione estrema, l’unica,
io credo,
fra il silenzio e la parola,
benedetta.
 
Davide Moggi

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Gil - 24/09/2017 14:00:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Può, Domenico, qualsivoglia nostra parola, mai macchiare l’anima cristallina di Amina, deturpare la sua bellezza poetica, incrinare la sua voce così trasparente da far sorridere perfino le sorgenti di un’alta montagna? Ella è un Vetta che tutti noi ammiriamo e devoti traiamo nutrimenti celesti dai suoi versi; quindi, per quel che posso dire io, ti vorrei nella pace: esternare un sentire interiore, poiché espresso con parole certo apassionatr ma non prive di delicatezza, inoltre in un contesto, come scrivi tu, di casa, non troveranno di certo il mio biasimo, semmai una compartecipazione d’afflato lettorale..

Chiedo scusa ad Amina se il mio dire le parrà invadente.

 Domenico Pelini - 24/09/2017 10:24:00 [ leggi altri commenti di Domenico Pelini » ]

ieri sera è stata una sera assai difficile per me. Mi rendo conto solo ora d’aver arrecato disagio e enorme fastidio a Amina e a voi tutti, con il mio commento del tutto fuoriluogo, e che, cosa più grave ancora, ha ’sporcato’ una poesia che mi commuove fino al midollo.
Chiedo scusa umilmente.
Domenico

 Franco Bonvini - 24/09/2017 01:05:00 [ leggi altri commenti di Franco Bonvini » ]

Bè, io ne ho 65, tra pochi mesi, e ancora nessuno scherzo. E dico le mie impressioni.

 Domenico Pelini - 23/09/2017 23:46:00 [ leggi altri commenti di Domenico Pelini » ]

è proprio ora, ora che il cuore si faceva di giorno in giorno più trasparente e che cominciavo a volervi bene,uno ad uno, voi che proteggete ,che riscaldate col bene Claudia da tanto tempo in questa che è la sua casa, che mi rendo conto di dovervi salutare prima ancora di avervi conosciuto. Scusate l’intromissione e vi prego di accettare, per ognuno che le vuole veramente bene i miei più sinceri auguri di una vita buona.

ps Franco tu non hai neppure una vaga idea di quello che dici, questa poesia ha a che fare tanto con la mia voce e con una bimba sacra nata da qualcosa che rasentava lo stupore assoluto.
A Nando ti scriverò in privato quando avrò il cuore meno addolorato.

scusate questa intromissione un poco patetica, ma ho 62 anni e l’andropausa fa di questi scherzi.

La poesia di Amina comunque rimane di una bellezza assoluta.

 Franco Bonvini - 23/09/2017 11:05:00 [ leggi altri commenti di Franco Bonvini » ]

Sì, Domenico, leggerlo e leggerlo. Ma ad alta voce.. che Amina aspetta una voce.

 Domenico Pelini - 22/09/2017 23:59:00 [ leggi altri commenti di Domenico Pelini » ]

leggerlo leggerlo ancora e di nuovo e scoprire di essere davanti ad un focolare,immersi nella contemplazione della fiamma nel canto dei tuoi legni.E,semplicemente piangere.

 Gil - 22/09/2017 22:08:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

No, la poesia di Amina va oltre la poesia, traversa soglie che accedono all’Invisibile; non solo un giorno non lontano le sarà riconosciuta la grandezza tra le grandi Poetesse , ma verrà anche riconosciuta la grandezza del suo "discorso" poetico, un dono racchiuso prezioso nel suo "sguardo" di Poetessa sublime, che sa appunto traversare quel confine tra i due mondi - visibile e invisibile -, capace di congiungere in un cielo trascendente l’immanenza della carne e del cuore. Ho balbettato qualcosa, molto di più andrebbe e andrà detto.

 Salvatore Pizzo - 22/09/2017 16:37:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

"Mutare generando un atto magico, è morire ?"
Un interrogativo che pare così: gettato a caso, ma che, in sè, ha tutta la potenza d’un pensiero nonarreso, convinto com’è che, nulla, rimane uguale a se stesso. E che dunque non muore...
Un incanto più che mai per versi
abbraccio

 Laura Turra - 22/09/2017 15:20:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Leggerti è aprire gli occhi alla meraviglia. E’ armonia della vita, preziosa come bisso dorato. Un caro abbraccio Amina!

 Rosa Maria Cantatore - 22/09/2017 15:05:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

è come seguire una danza, come udire un suono d’acqua e di foglie leggere le tue poesie.
Inconfondibili.

 Franco Bonvini - 22/09/2017 12:45:00 [ leggi altri commenti di Franco Bonvini » ]

..è perchè è quella bambina che scrive, e il suo hara è potente.

 Klara Rubino - 22/09/2017 11:53:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Non ci sono parole per commentare un capolavoro come questo!posso solo confessare che mentre leggo questa poesia sento bene al cuore!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.