LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Angelo Ricotta
Imprenditori e Decreto Dignità

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ho visto un'intervista ad uno degli imprenditori che si oppone al Decreto Dignità. Alla domanda dell'intervistatore su quante persone assunte a tempo determinato egli stabilizzasse a tempo indeterminato l'imprenditore ha risposto che per formare un ragazzo ci vogliono anni e 100000 euro d'investimento facendo intendere che quindi alla fine del percorso gli convenisse assumerlo a tempo indeterminato. Una risposta molto elusiva! Quello che questi imprenditori dovrebbero farci sapere è la PERCENTUALE di coloro che diventano a tempo indeterminato rispetto a TUTTI quelli assunti a tempo determinato. Invito gli intervistatori a insistere su questo punto e a rendere pubblici questi numeri.  

 Angelo Ricotta - 11/09/2018 16:24:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

x Elisa
Fermo restando che per me un lavoro deve essere a tempo indeterminato perch solo cos una persona pu programmarsi una dignitosa esistenza, sono cosciente dei timori e dei problemi dei datori di lavoro che considero a loro volta dei lavoratori. Perci sarei d’accordo che in deroga ai contratti di tipo nazionale, che devono indicare il quadro generale, si inserissero nei contratti di lavoro individuali condizioni particolari che tutelino sia il dipendente che il datore di lavoro. Se si onesti questi accordi si possono fare.

 Elisa Falciori - 11/09/2018 14:55:00 [ leggi altri commenti di Elisa Falciori » ]

Credo che lo spauracchio degli imprenditori ad assumere a tempo indeterminato, sia trovarsi ad avere a che fare con un assenteista che di solito si maschera bene quando non ha un posto sicuro.
A mio parere il tempo indeterminato dovrebbe essere legato a una responsabilit diretta dell’azienda, in veste di obiettivi aziendali e premi relativi oppure quote azionarie che elargendo utili, incentivano e annullano le assenze.
Buona giornata Angelo.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.