LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Angelo NGE Colella
Il tuo occhio caldo come un nido

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Il tuo occhio caldo come un nido
profuma d’acqua come l’altro,
che è uguale.
 
Per il tuo compleanno
ti ho chiesto civettuolo quanti errori avevi compiuto
e tu hai riso come chi va in biblioteca.
La strada dal cancello al tuo citofono
è stata bella, apparecchiata di lampioni
come una tovaglia 
e tutte attorno le sedie
mansuete curiosavano brucando.
 
Nuvole di pioggia, non ne venivano
perché forse erano rimaste a secco
per la gioia del tuo vaso di ombrellini rotti,
tali e quali a ciclamini.
 
Però invece non ti ho detto
di quando ho scarabocchiato fino a fare un’ombra vera
e per questo ho vinto un premio prestigioso
che non ho ancora ritirato di persona
perché non riesco ad indossare una cravatta
senza mettermi a suonarla come una trombetta.
 
Così fischiavo anche dentro gli uccellini.
Non l’ho detto perché avevi già chiuso le orecchie a chiave,
allungando il passo come l’alfabeto con le lettere straniere,
e io ero come Romeo e Giulietta morta.
 
È già da un po’ che sto seduto sulla finestra a dondolo,
mi piacerebbe appoggiarmi la testa su una spalla per dormire.
 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.