LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Anna Giordano
Il Piccolo Lembo di Cielo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Un giorno, un piccolo Lembo di Cielo guardando la terra, ancora quando il creato non era stato del tutto completato:
si accorse che fra tutti i colori che la componevano, mancava proprio quello del cielo, “l’azzurro”.
Allora, convocò in riunione tutto il resto del cielo, e disse: “dobbiamo fare qualcosa perché la terra abbia anche l’azzurro come colore, è il pianeta più bello, e sarebbe un peccato non esservi rappresentato con il nostro colore, anzi proporrei di farne il suo stemma”.

Il resto del cielo stava attentamente ad ascoltare il Piccolo Lembo…, che con grande ardire difendeva le sue idee. E dopo un consiglio generale, il cielo tutto, definì l’idea valida e prese al volo la proposta del Piccolo per rappresentare il loro colore anche sulla terra. Decisero così, d’inviare su terrà il promotore dell’idea, proprio il Piccolo Lembo di Cielo, e così fecero: staccarono dal cielo il Piccolo pezzo d’azzurro e lo catapultarono in un baleno sul pianeta Terra.
Egli non ebbe neppure il tempo di dare il suo consenso, che si trovò nel luogo da lui tanto decantato. Era stato lui ad avere avuto l’idea, e adesso doveva metterla in atto, cosa non facile, visto che non aveva i mezzi per farlo, e non sapeva neppure come ritornare in cielo, non avendo le ali.
Preso dalle sue mille domande, su come fare per dare il suo colore alla terra, e non trovando risposta, fu assalito dallo sgomento, tanto, che iniziò a piangere…
Pianse per giorni e giorni, la sua disperazione fu tale: che si formarono fiumi di lacrime, che piano, piano, riempirono: valli deserte, fino a
raggiungere altre valli e poi… ancora… ancora e ancora, dando così vita ad una immensa distesa d’acqua: salata come le sue lacrime, ed azzurra come il suo colore;
senza saperlo, aveva generato il mare.

Il sole, che da lassù lo guardava, volle premiare il Piccolo Lembo che nel vederlo così disperato di non poter tornare in cielo, ne ebbe compassione, e coi suoi raggi, riscaldò le lacrime del mare, facendole evaporare e trasformandole in migliaia di perline d’acqua invisibili, che, sospese nell’aria le illuminò dei suoi raggi. Come per incanto apparve un immenso ponte multicolore, aveva la forma di un grandissimo arco, tanto grande da unire la terra al cielo, era nato l’arcobaleno, sul quale il sole invitò a salire il Piccolo Lembo di Cielo che, asciugandosi gli occhi, e ringraziando il sole, sorrise.
Man mano che si arrampicava per raggiungere il cielo, guardava l’opera da lui compiuta, e l’immensa bellezza che aveva generato. Si sentì fiero, anche della sua debolezza, l’avere pianto era servito, non ad avere vergogna di lui stesso, ma ad avere dato vita al mare, con le sue lacrime ed il suo colore , tanto che, grazie a lui, la Terra fu definita anche pianeta blu.

Il Piccolo Lembo... giunto a casa , fu acclamato dal resto del cielo. In merito al suo pianto, alla sua missione compiuta, vennero appese sul suo lembo d’azzurro due stelle, di nome: “Castore e Polluce, (che troviamo nella costellazione appunto detta dei gemelli).

Così, da quel giorno, il mare riflette il cielo ed il cielo si specchia nel mare,
sorridenti all'orizzonte si tengono per mano,proprio come due fratelli gemelli.





 Anna Giordano - 26/01/2018 22:14:00 [ leggi altri commenti di Anna Giordano » ]


Buona sera Arcangelo,mi scuso se non ti ho risposto prima per questo tuo, sempre gradito, commento. Mi spiace di non avere il tempo, non solo per ringraziare , ma anche per commentare un po’ tutti, te compreso, perché leggo con piacere i tuoi scritti così come quelli di tanti altri autori, ma non sempre ho il tempo per commentare, purtroppo! Comunque ti ringrazio per il tempo che mi dedichi, fa sempre piacere avere un parere da parte di un amico di penna. Ti auguro la buona notte e sogni sereni.

 Arcangelo Galante - 24/01/2018 07:00:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Una favola molto bella, certamente apprezzabile, da raccontare e far leggere a tutti i bambini.
Quel piccolo Lembo di Cielo, ha avuto una brillantissima "idea", ma anche l’onere di realizzarla, una volta catapultato, in un baleno, sulla Terra, senza neppure avere dato il suo consenso.
Le sue lacrime, improvvise, hanno generato uno degli spettacoli più belli che l’occhio umano possa mai osservare: il mare!
Da lì, il meritato premio, donato, dal generoso Sole, al piccolo Lembo di Cielo, creando un meraviglioso arcobaleno, da percorrere, per tornare, finalmente, a casa.
Testo che ho apprezzato totalmente, per il suo intrinseco contenuto, altamente educativo.
Un solare saluto, cara amica Anna. :-)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.