LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
La felicit���� (con traduzione in lingua spagnola)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

LA FELICITA'

 

La felicità,

quella di ieri,

quella che si spera poi sarà domani

quella felicità ch'oggi raccogli,

che assapori e accarezzi a piene mani.

 

Gioia che si consuma,

e passa via,

che gusti, pasteggi dentro un letto,

pensi che duri eterno

ma ti tormenta dopo l'intelletto.

 

Comincia,

poi finisce,

lei guarda e non capisce il dramma

che è tutto tuo, esistenziale,

che soffri a veder spegnere la fiamma.

 

Sul filo vai,

viaggi in equilibrio

il passo muovi incerto sul burrone

godi l'adrenalina d'un momento

sai che finirà poi la passione.

 

Salvatore Armando Santoro

(Boccheggiano 14.11.2017 – 9,07)

 

 

 

LA FELICIDAD

Felicidad,
el de ayer,
lo que esperamos sea mañana
la felicidad que ahora recoge,
que gustas y acaricias manos llenas.

Alegría que consume,
y termina
qué sabe, pasteles en una cama,
piensa que duras para siempre
pero te lastima en la cabeza.

Comienza,
entonces termina,
ella mira y no entiende el drama
que es todo tuyo, existencial,
que sufren para ver extinga la llama.

Camina sobre una cuerda estirada,
viaje de equilibrio
el movimiento incierto hasta el barranco
disfruta la adrenalina de un momento
sabe que la pasión terminarà.

Salvatore Armando Santoro
(Boccheggiano 14.11.2017 - 9.07)


 

(Traduzione e adattamento poetico di Salvatore Armando Santoro)

 Salvatore Armando Santoro - 22/11/2017 20:00:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

AD ARCANGELO GALANTE - Ancora non ho imparato come rispondere ai messaggi. Scrivo a caso e non so se il messaggio arriver o meno a destinazione. In questi giorni sono preso con un lavoro che non riesco a finire per tutta una serie di problemi, anche di salute,e pertanto non riesco ad apporofondire le dinamiche sulle quali strutturato questo portale e non posso rispondere a nessuno come vorrei. Appena mi libero dagli impegni (ma premetto che ne ho tanti perch organizzo anche dei Bandi Letterari) risponder agli amici.
Ad Arcangelo un sentito ringraziamento per le sue dotte ed approfondite annotazioni e per l’interesse che dimostra verso la mia poetica. Ma l’ha sempre fatto anche su altri portali e, quindi, il ringraziamento doveroso ed anche doppio!

 Arcangelo Galante - 21/11/2017 08:21:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Una significativa opera, che spinge il lettore a riflessioni ancora attuali. Una pubblicazione che, attraverso deliziose metafore, ben rappresenta la nostra decadente civilt globalizzata, improntata solo sul materialismo, sulla commercializzazione, sui soldi e sul possesso di ogni cosa, tranne quello dei sogni stessi e della vera felicit, che, fuggendo via dalle nostre menti, l’umanit tutta far un tragico passo indietro, vivendo in uno stato vegetativo e senza valore alcuno, neppure per l’anima. Poesia tanto bella, quanto condivisa. Deliziosa nella stesura e realistica nel contenuto. E come diceva il poeta latino Orazio nella pubblicazione delle sue Odi: Dum loquimur fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero(Mentre si parla, il tempo gi in fuga, come se ci odiasse: cos cogli la giornata, non credere al domani). Un amichevole saluto, gentilissimo!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.