LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
Verr�� alfine la morte

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Verrà la morte al fine,
sfiorerà con la sua mano il mio volto,
raccoglierà l’ultimo calore
che lascia il posto al freddo,
al silenzio dei sentimenti
e del verseggiare.


Verrà, questa morte adorata,
si chinerà ad auscultare il mio petto,
a cercare di percepire l’ultimo atto del cuore,
ad archiviare gli ultimi istanti di gioia
che mi hai donato e non ho saputo cogliere.


La tua mano scorrerà sulle mie palpebre,
le abbasserà per oscurarmi il mondo,
ma io percepirò la tua presenza vicino al mio corpo,
avvertirò il tuo alito scaldare la mia pelle
ed i tuoi baci scivolare sulle mie labbra,
stamparsi sul mio volto ormai spoglio di sensazioni.


O dolce morte, tu parli il linguaggio del silenzio,
togli il fruscio ai torrenti,
la voce al vento,
lo scrosciare all’acqua,
il rombo ai tuoni.
Ed anche il calore del sole
diventerà inutile complemento
ad una pelle che già pregusta
la fine delle sensazioni e del dolore.

 

Salvatore Armando Santoro

(Boccheggiano 15.12.2009)

 

La foto è presa dal blog:

http://ugobardi.blogspot.it/2014/12/lera-della-solitudine-ci-sta-uccidendo.html

 Arcangelo Galante - 29/11/2017 09:20:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

La morte, evento misterioso che, spesso, sfugge alla logica umana, non avviene in maniera uguale per tutti. Pertanto, restano legittimi i pensieri, nonch i sospiri, di chi li ha manifestati nel monologo, fatte alla cosiddetta nera signora. Quello che il poeta pensa, lo trasmette con versi molto realistici e, al contempo, toccanti, nello sviluppo della pubblicazione. Un testo un poco malinconico e molto introspettivo, che si commenta da solo. Senz’altro ammirevole la sensibilit di chi scrive, che la rivela, ponendo l’attenzione sul tragico evento. Un cordiale saluto!

 Salvatore Armando Santoro - 29/11/2017 08:58:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

Questa poesia stata utilizzata da una ragazza per la sua tesi scolastica di maturit artistica accompagnata ad un bellissimo filmato. Purtroppo la ragazza (omai donna)ha tolto il filmato da Youtube. Io l’avevo salvato da qualche parte, ma dovrei cercare in un Hard Disk e perderei troppo tempo.
https://www.youtube.com/watch?v=6x6qfSXYTV4

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.