LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
Bambini in guerra

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]


La foto è di Alessio Genovese tratta dal portale:
http://fortresseurope.blogspot.it/2012/10/speciale-siria-restate-allinferno.html



Tra i miei ricordi tristi di bambino,
accarezzati da una guerra infame,
a volte ci mancava a cena il pane
ed anche un ciocco acceso nel camino.

Che ne sapete voi di un uccellino
che cerca un po' di cibo nel tegame?
Si stava ancora peggio del bestiame
neppure orzo tritava il macinino.

Mia madre ci leggeva dei racconti
a volte declamava una poesia
sperava che arrivasse un sonno amico.

Con la fame doveva fare i conti
poi l'indomani si vestiva e via
in cerca di castagne e qualche fico.

Nei campi andava a raccattar di tutto
cicoria, cavolicchi e qualche frutto

a volte trovava finanche dei lupini
toglier così la fame ai suoi bambini.

E sento adesso ancora odor di guerra
e penso ai bimbi sparsi sulla terra

della fame io ancor ricordo i morsi
ma chi governa non ha mai rimorsi?

Sonetto ritornellato

 

Salvatore Armando Santoro
(Donnas 23.4.2017 – 21,25)

 Salvatore Armando Santoro - 18/12/2017 01:35:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

AD ARCANGELO GALANTE.
Sono classe 1938, caro Arcangelo, e questo ti dice che una guerra l’ho vissuta ed è stata anche dolorosa. Mio padre richiamato a fare una guerra che non gli apparteneva contro della gente che non gli aveva fatto nulla perché un pazzo voleva "ricostruire l’impero sui colli di Roma". Triste conclusione per l’impero ed anche per lui stesso. Ma anche triste conclusione per i tanti richiamati in guerra che non hanno potuto dare e ricevere amore dai propri figli. Partito che avevo due anni, mio padre ritornò nel 1946 che di anni ne avevo 8. In pratica non avevo conosciuto mio padre (e non mi sono - ci siamo - neppure affezionati l’uno all’altro). Odio, pertanto, quella guerra, la guerra e chi le guerre le fa quando potrebbe dialogare e convivere con gli altri stati nel mondo. L’esperienza mia, chiaramente non vorrei che fosse vissuta da altri bambini perché a causa della guerra la fame l’ho conosciuta ed ha un pessimo sapore.
Mi scuso se in rete ci sto poco anche perché ho problemi di collegamento e quest’anno sto gestendo due Bandi Letterari e davvero tempo ne ho poco. Grazie dell’attenzione ai miei tentativi di socializzare emozioni ed anche realtà negative vissute che vorrei che la gente capisse e si battesse per evitarle ad altri.

 Arcangelo Galante - 17/12/2017 20:06:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Apprezzate considerazioni, dal sapore fortemente aspro, che si distaccano dallo speranzoso desiderio, nel voler vedere una situazione più serena, sulle amare riflessioni sociali ed ambientali, descritte dall’autore, inerenti la fame e la morte di tanti bambini in guerra. Dovrebbero piovere gocce d’amore e di immensa solidarietà sociale, affinché, all’unisono, si possano risolvere realtà inaccettabili ed indegne, per definire civile la vivibilità dell’uomo nei luoghi dove, ancora oggi, nel 2017, permangono simili angoscianti tragedie. Purtroppo, l’indifferenza dei potenti e di quanti dovrebbero gestire gli aiuti nei posti disastrati, colpiti da conflitti, povertà ed altre umane sciagure, è sempre dilagante. Occorrerebbe smuovere le coscienze dei governanti, auspicando la speranza che possano sensibilizzarsi dinanzi a qualsiasi disastro sociale dovesse nuovamente colpire il mondo. Altro non saprei davvero cosa aggiungere, se non che resto agghiacciato ed intensamente addolorato nell’aver letto l’aspra realtà pubblicata dall’autore. Ti fa onore l’impegno nel voler divulgare le situazioni descritte, al fine di nutrire la speranza che qualcosa di positivo possa sempre accadere. Davvero un toccante testo, il tuo, carissimo Salvatore!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.