LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
Tu ce l���hai un nonno?

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]



Quelle ruvide carezze che mi hai dato

ancora nonno mio non le ho scordate

quelle mani pesanti che han zappato

sulla mia pelle si sono appiccicate.

 

E valgono un tesoro e le ricordo

nel cuore anche scolpita ho la tua voce

pane raffermo questa sera mordo,

come facevi tu, con qualche noce.

 

Odora questa stanza di campagna,

solo a pensare a te penso al tabacco,

anche un umor di brina m'accompagna

e vedo te quand'eri stanco e fiacco.

 

E ti sedevi fuori dalla porta

come in poltrona su un consunto tufo

e ripetevi: ”In fondo non m'importa

ma a far questo lavoro sono stufo”.

 

“Anche se qui son re ce l'ho un padrone

pensi di poter tutti comandare,

ma lo stato ti tassa, è un gran ladrone,

e col maltempo i conti devi fare”.

 

“Spesso non piove e l'acqua è necessaria

se Dio non ce la manda ho secco in gola,

le galline si ammalano di aviaria

e i conti tocca far con la tignola”.

 

Nel suo gilè prendeva una cartina

le foglie di tabacco accartocciava

e sospirava: “benedetta brina”!

Poi un pòspuro* nel muro strofinava.

 

Salvatore Armando Santoro

(Boccheggiano 6.1.2018 – 23,14)

 

 

* Pòspuro (da fosforo = vecchi fiammiferi di legno in dialetto salentino).

 

 

 

 Arcangelo Galante - 08/01/2018 07:05:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Sono davvero espliciti, intensi ed altrettanto veritieri, i ricordi dellautore, poeticamente ben scritti, per ricordare una figura a lui tanto cara.
Non sempre abbiamo la possibilit di conoscere i nostri nonni, ma, la loro figura, rimanda a tutta la saggezza, racchiusa in uno spaccato di vita vissuta, ad altri tempi, in cui le agevolazioni della moderna tecnologia non erano presenti e tutto si svolgeva col duro lavoro manuale.
Un bello spaccato di vita agreste, gi ben descritto nella prima strofa, con quelle carezze date da una mano, divenuta orma ruvida per il duro lavoro di zappatura della terra.
Sono gesti che, per, rimangono nel cuore, cos come tutte le altre piccole azioni quotidiane, il pane raffermo con le noci, lodore del tabacco, la galline da accudire, ma, soprattutto, linclemenza del tempo e le sue stagioni, con cui dover fare, spesso, i conti.
Si, perch il lavoro era durissimo, e, certo, bastava un attimo per veder svanire tutte le fatiche, a causa di una gelata o, peggio ancora, di una stagione arida, perch tutto andasse in fumo.
Da qui la stanchezza, comprensibile, per unattivit che, nel tempo, tutto aveva logorato
Per fortuna che, ogni tanto, qualche foglia di tabacco accartocciata, permetteva di farsi concedere una giusta e meritata pausa, con qualche sospiro: benedetta brina!.
Poesia che ho molto gradito, gentile Salvatore.
Un caro saluto.

 Giulia Bellucci - 07/01/2018 22:17:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

La dura vita contadina ritorna in questa poesia e credo che la vita del contadino sia di poesia davvero vissuta. un lavoro che non ripaga molto se non con la bellezza della natura stessa con cui si resta a contatto ogni giorno. Non ripaga perch purtroppo tutto dipende dall’andamento delle stagioni che l’uomo non pu controllare. Qui viene rievocata attraverso il ricordo del nonno, figura molto cara al poeta. La parola pospuro viene usata anche in Calabria, in particolare nel Cosentino che per diventa ’prospuro’ . Immagino che molti dialetti abbiano radici simili.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.