LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
Rinnovando Aspas��a (Discutendo con Leopardi)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]


Nel dipinto: Aspasìa e Pericle.

Ora Aspasìa rimossa ho dalla mente
Pericle scudo ed arco ha già deposto
le tracce del dolor sono ora spente
nei nostri cuori ormai non c'è più posto

per nuovi amori, per nuovi sbandamenti,
passa il tempo e via porta gli ardori,
le euforie e i tanti incantamenti
ad altre mete miro, altri valori.

Ma quella gioventù che senti in petto
è come brace, e spesso si riaccende,
sotto cenere calda cova affetto,
dietro una nube sempre stella splende.

E come te, inganno la natura,
sui nostri errori lei sempre fiorisce
matrigna fu per noi, ingrata e dura,
perisce chi di lama altrui colpisce.

Ma Aspasìa raccoglie un otre rotto
piange sul suo destino che ha cercato
fragili amanti in nuovi errori ha indotto
il sole ha spento e il buio ha seminato.

Ma sul tratturo restano gli stracci
d'un amor che comunque è stato dato
che dalla mente inutilmente scacci
e che affetto che dura ha generato.

 

Salvatore Armando Santoro

(Donnas 9.7.2017 – 11,27)

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.