LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Armando Santoro
Trincea

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ci sarà forse un altro Carso,
forse anche una montagna che non sarà più il San Martino,
ci saranno ancora pulci e pidocchi
e il sudore indecente del vicino.

 

Saremo li per terra
in mezzo al fango tra urine puzzolenti ed escrementi
e chiederemo un po’ meravigliati
del perché di quella stolta guerra.

 

L’avevo conosciuto Franz
al bar del confine mentre giocava a carte con gli amici
e tra un bicchiere e l’altro
capito avevo ch’era un uomo scaltro.

 

Ora è lì disteso tra le pietre
con gli occhi aperti sta guardando il cielo
che anch’io vedo stellato
mi chiedo chi la testa gli ha forato.

 

E mi rotolo sui pensieri
mentre sonnecchio e sto pensando ai miei
provo a sognare un pasto al caldo
ed un piatto di polenta e osei.

 

* Osei = Uccelli in dialetto veneto.

 

Salvatore Armando Santoro
(Boccheggiano 7.9.2019 – 5,54)

 

La foto è tratta dal portale di Wikipedia:
https://www.google.it/search…

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

 Salvatore Armando Santoro - 05/03/2020 22:22:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

AD ARCANGELO GALANTE

Sono poche le persone sensibili ai temi del sociale e della guerra. Non disdegno di scrivere anche poesie narcisiste ed egocentriche (come asseriva Pasternak) ma nelle mie poesie l’impegno sociale (e lo stesso sociale) spesso emerge anche in poesie che io definisco narcisiste. È il mio passato che sopravvive ed anche se riconosco che non cambierò il mondo almeno io provo a dimostrare che io non mi sono addormentato e resto sempre sveglio e sensibile verso certi argomenti che penso possano almeno servire alle persone per farle restare con i piedi per terra.

 Arcangelo Galante - 05/03/2020 06:32:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Parto dal rinfrescarmi la memoria sulla geografia, sperando di non sbagliare...
Il Carso, noto anche come altopiano Carsico, è per l’appunto una zona che si estende a cavallo tra Friuli Venezia Giulia e parte della Slovenia e della Croazia, e secondo la partizione avvenuta dopo salienti guerre, è una delle sezioni del sistema alpino, che ora non sto a specificare nei dettagli.
Il Carso, citato nella poesia, è noto storicamente per essere stato teatro di violente battaglie, durante la prima guerra mondiale, tra le truppe italiane e quelle austro-ungariche: da esso nasce il termine carsismo.
L’autore Santoro ci propone un testo toccante che serve a ricordare l’infamia di tutte le guerre e le scelleratezze dell’uomo.
L’immagine della trincea, è messa in estremo risalto, al fine di comunicare sensazioni veramente sconcertanti, dato il periodo vergognoso della guerra.
La trincea è costituita da una fortificazione campale, costruita dalla fanteria, o dai resistenti agli altrui attacchi bellici, allo scopo di proteggersi nella guerra di posizione.
Ed essa consiste in uno scavo, con un rialzo antistante, formato con la stessa terra scavata.
Ho scritto tale premessa giacché il poeta
ha inteso narrare lo squallore di puzzolenti urine ed escrementi, che, col loro odore, lasciavano il disgusto nella memoria, malgrado si sognasse, giunti alla battagliera conclusione, un caldo pasto, fatto di “polenta e pisarei”.
Chissà per quanto altro tempo ancora dovremo ricordare l’inutilità di coloro che, per scopi economici e per giochi di potere, non si fanno scrupoli nel decidere già in partenza l’infelice destino di tantissimi bambini e adulti.
Tutte le guerre, che ancora oggi non hanno senso di esistere, sono la vergogna e l’esempio della follia dei potenti.
La storia lo insegna e nessuno sembra avere imparato dalle innumerevoli tragedie mondiali, accadute nel passato. Chi ha un cuore sensibile soffre quotidianamente nel sentire di persone cadute in battaglie innescate da futili ideali che non conducono a nulla, giacché il vero ideale risiede nel rispetto totale della vita altrui.
Sempre attento a tematiche interessanti, il poeta si distingue con le proprie pubblicazioni.
Un amichevole saluto, scusandomi per essermi troppo dilungato!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.