LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Anita Napolitano
la debolezza del buio

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

La debolezza del buio

Vorrei poter essere arco di Epiro

e far esplodere la prigione come fece Iperione per i Titani

Non ci sono Olimpi senza macchia e non sempre

il cielo stellato  illumina  vele d’ argento

Airone ferito, avventuriero dell’ ignoto

a cui è rimasta una sola ala,  non immalinconirti

non lasciare che la furia di Poseidone

inghiotta  le stanche piume

Guizza, guizza fuori come delfino

salta, salta si intravedono nuovi orizzonti  in dissolvenza

Il buio si arrende prima o poi, anche lui cade

e cede il passo al bagliore della luce

che abbaccina. Spezza le catene, ho provato a mettermi

dalla  parte del torto e tra il bianco e la coltre del nero

la differenza spicca

Non nascondere la debolezza, l’ onnipotenza

è degli Dei e alle volte nemmeno

Non Lasciare che il ramo offeso prenda

la sua via, solo tu  puoi assassinare con un colpo secco

il marcio, non c’ è prigione più angusta

del cuore, liberalo e fallo volare con una sola ala

e una soltanto, riuscirà a trovare la strada non temere

Dopo il lavoro estenuante dei campi

sotto i soli cocenti la carne è logora, ma

il raccolto delle messi sarà ancora

più prospero e saranno gli occhi dell’ anima

a mutare la visione, e solo così

che nasceranno i bimbi eredi universali

di un nuovo mondo

E quando le messi brilleranno al sole

laverai la tua giubba, laveremo le nostre giubbe sporche di sangue

solo così nasceranno i figli della speranza

dell’ alleanza che affratella. Fa che Acamante non guardi

più negli occhi la guerra né in terra, né in cielo

Cigno bianco

offeso non lasciare che la tempesta

accompagni il tuo respiro, impara a ballare

sotto la pioggia e  vedrai che l’ azzurro trafiggerà

la gabbia, lasciati alle spalle la condanna del nero,

il nero prima o poi si arrende

 

 Ivan Pozzoni - 28/01/2018 00:19:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Questo testo è ricco di significato

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.