LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Katia Belloni
poeta Vittorio Banda

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Vittorio Banda, poeta, nato a San Cataldo il 13 dicembre 1944. Nel 2006 pubblica la sua prima raccolta di poesia " Er verme matto", nel 2007 un libro di racconti "Nelle terre del fico D'india". E' presente in varie antologie. Ha partecipato con una suaopera alla rassegna teatrale "Una parola per la vita".

Ho letto alcune delle sue opere, devo dire che la sua poesia viene dal profondo del suo "IO". Vorrei proporre una delle tante che lui stesso mi ha inviato, si intitola :

L'ascolto del silenzio

Ascoltare il silenzio oggi è difficile, sembra un paradosso una stranezza alla quale con il raziocinio non si vuole dare retta.

Eppure l'attuale società ha perso la capacità dell'ascolto del silenzio e sarà difficile che possa riacquistarla sino a quando non rientrerà nella sua coscienza e rovistando tra le innunerevoli cose ammassate, come in una cantina in disordine, riesca a ritrovare la perduta coscienza.

Mi trovavo in via San Giovannino dove abito e stavo per rientrare, ma non riuscivo ad accedere al portone perchè davanti ad esso si era fermato un vecchio che si stava riposando appoggiato alla sua bicicletta che trascinava a fatica.

Vedendo che io cercavo di accedere al portone mi guardò con l'aria sofferente e mi disse:" certo che l'è dura!

Lo guardai con affetto e risposi che era veramente dura la vita, poi con gli occhi velati dalle lacrime mi disse:" sono solo, mia moglie non ci sta più con la testae le sue sorelle non la cercano più anzi l'hanno dimenticata ed io sono costretto da solo a prendermi cura di lei sbrigando tutte le faccende ogni giorno con fatica."

Lo incoraggiai dicendogli che il Signore lo amava e che già era una grazia che lui poteva con la forza prendersi cura di sua moglie.

Lui assenti con il capo dicendomi che avevo ragione e scorsi una nuova luce nei suoi occhi, una luce che mi spinse ad abbracciarlo eda baciarlo, in quel momento sentii che una grande pace era scesa dentro di noi.

In quel momento ho pensato alle tante persone che io vedo correre per tenere in forma il loro corpo con gli auricolari nelle orecchie, attente solo a non perdere la cadenza della corsa e disattente alla solitudine ed alla sofferenza che spesso correndo superano ed ignorano.

I loro orecchi sono tappati e non possono ascoltare il silenzio della sofferenza nè possono vedere le lacrime che scendono dai volti delle persone che noi abbiamo reso invisibili.

Tutto il mondo è pieno di questo silenzio ed attende che ci siano orecchie capaci di ascoltarlo.

Vittorio  Banda 

 

 

 

 

 

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.