LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Guido Balbo
Stato sempre pi�� lontano

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Se mai fosse stato, ora è certezza

non la sovranità appartiene al popolo

ma l’appartenenza ai nuovi ceti

- costola strappata, già dal primo articolo -

Ceto de’ gaudenti, de’ cementati

degli intrigati, dei servitor de ceppi

degli assolutisti e dei dissoluti

dei non coagulati, degli menestrafotto

e degli avanti … il prossimo.

 

Ma a guardar bene, finanche popolo

è parola persa, tra i meandri delle sale dei bottini.

Privilegio a pulsante, per spiragli di gloria.

 

S.p.c.f. lo Stato, società per corti fiorite.

 

Castelli vecchio stampo, questo è nuovo Stato

con tanto di ponte levatoio e fossato alligato.

 

Massa all’esterno, col kit per qualche giorno

borsa alla mano aperta, che saluta e arretra

per terre sempre più lontane, in logico baratto

… per ben altro. Esce dal reale ruolo, dove troppo

troppe interpretazioni giocano

in favore del bene o del male

e il sangue si fa RAL seimiladiciannove.

 

È comprensione logica che si adegua al campo

d’oggettiva situazione di diritti e di doveri

ma l’arbitro non fischia sempre a dovere

e il diritto vero, nel gioco si fa straniero

 

prende altre strade, per spinosità irrisolte

di gloriose menti appunto, zelanti placente

attaccate al senso del proprio piacere

più che del dovere per il fratello … Abele.

 

 Salvatore Pizzo - 05/05/2021 00:30:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Non che al popolo non appartenga la sovranit. E’che il popolo facilmente raggirabile: la moltitudine si lascia distrarre ed ha memoria corta.
Sempre assai impegnato tu, complimenti anche per la verve.
Un caro saluto

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.