LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Catello Nastro
Via lucis ad Agropoli

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Dal 31 marzo al 10 aprile 2012

-VIA LUCIS”  AD AGROPOLI -

 

Il 10 aprile prossimo chiude i battenti la mostra d’arte “VIA LUCIS” presso la palazzina polifunzionale di via S. Pio X, organizzata dall’Associazione Arenosa, che già per il passato ha presentato grossi eventi d’arte e cultura. Centinaia le opere esposte, alcune a livello artigianale, altre a buon livello artistico, una della pittrice Miglino assurge veramente ad opera d’arte. La forza e lo sforzo di Cristo che sta per risorgere, si notano dalla contrazione del muscoli del corpo in un lavoro di chiaroscuro degno della grande scuola. Chi visita la mostra non può fare a meno  di soffermarsi, emozionarsi e meditare sul vero concetto della Resurrezione Pasquale. Tra le altre opere, degne di nota quella di Maria Rosaria Verrone, di Fabio Giocondo ed una scultura composizione di Altieri. Cimentarsi nell’arte sacra e cogliere un momento particolare della spiritualità non è cosa semplice. Di solito si cade nella retorica e si avverte lo  sforzo dell’autore nel voler rappresentare a tutti i costi un concetto sminuito per il troppo materiale usato, per un soggetto non sentito nella sua vera espressione artistica e spirituale. Il resto delle opere senza dubbio di buon livello. L’ingresso è gratuito, apertura giorni feriali dalle 16 alle 21 ed apertura anche  antimeridiana nei festivi dalle dieci alle tredici. Per informazioni: www.arenosa.org – e mail: info@arenosa.org. Grande merito al Presidente della onlus, signor Framondino, Arenosa, per la seconda mostra di arte sacra (dopo quella di Natale) che ha avuto un numero enorme di visitatori.

 

agropolicultura.blogspot.com

catellonastro@gmail.com

 


Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.