LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Gaetano Lo Castro
Halloween vs Ognissanti

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

"E come a li orbi non approda il sole,

così a l'ombre quivi, ond'io parlo ora,

luce del ciel di se largir non vole."

 

Purgatorio (XIII, 67-69)

 

 

Halloween contro Ognissanti.

La notte del 31 ottobre si festeggia Halloween, mentre il giorno del 1° novembre si festeggia Ognissanti. Quella di Halloween è la festa pagana della tenebra e della morte. Che si contrappone a quella di Ognissanti, la festa cristiana della luce e della vita. La prima sta sempre più oscurando la seconda, con l'intento di soppiantarla del tutto. Di trasformare la grandezza e la bellezza del dono della vita, che ha un senso e una meta, in una edonistica carnevalata, finita la quale non c'è che il nulla.

Questo è solamente un esempio emblematico di ciò che sta avvenendo nella società occidentale, in questo tempo sempre più tenebroso, sempre più paganizzato e scristianizzato. È un esempio della lotta tra luce e tenebra. E ora quest'ultima sta prevalendo. A tal punto da non far più discernere il bene dal male, tanto da far scambiare l'uno per l'altro. Tanto che ora i delitti sono diritti, l'immoralità è libertà, la via verso l'abisso è progresso.

In questa lotta, una cosa che amareggia, è il fatto che molti di coloro che devono essere i portatori di luce, i cristiani, sono invece diventati più o meno propagatori di tenebra. Trascinati dalla corrente conformistica del mondo, dalle sue mode e ideologie, anch'essi contribuiscono a portare oscurità, invece di essere cristofori. Molti figli della luce sono divenuti figli della tenebra.

In questo tempo di estesa apostasia, di catastrofi e di guerre, descritto dal libro profetico dell'Apocalisse (Rivelazione), per completare il quadro manca soltanto la manifestazione dell'Anticristo.

Che è già tra noi.

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.