LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di cristina bizzarri
Come ostia ibridata d’attesa

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Come ostia ibridata d’attesa
s’innalza
una voce dal calice scuro
del mondo.
Indugia tra urla e silenzio
parola
inaudita di figli non nati,
carne profetizzata
e ombra
a planare su vergini menti.
Suggello di brina nel senso
del giglio -
alato contrario d’annuncio,
simbolo opaco nel grembo
dell’ alba.
Su desolata pianura stendardo
fecondo.

A Luca Soldati

 Luca Soldati - 21/07/2012 10:12:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

Prima Loredana poi tu Cristina! Se questa è la ricompensa comincerò a scrivere lettere dalla mattina alla sera :-) è bellissima! Sai...in effetti da tempo ormai ho deciso di vivere solo la contraddizione! Credo che il disapprovarsi continuamente sia l’unico modo per accedere all’attimo! Grazie!

Ciao poetessa

 Alessandro Mariani - 20/07/2012 18:57:00 [ leggi altri commenti di Alessandro Mariani » ]

" Ostia ibridata" è un’immagine bellissima: sembra essere nel momento in cui il parroco la intinge nel vino; poi la metamorfosi dell’ostia nel calice, il corpo nella mondo. Un passaggio triste, quasi desolato, ci porta verso un’amara descrizione di mondi mai nati, paragonati a bambini, che sembrano avere espiato le colpe di qualcuno. Dice il romanzo di Saramago, " Il vangelo secondo Gesù Cristo", che quando Gesù morì sulla croce disse " Padre, fa che gli uomini perdonino i tuoi peccati". La tua però non mi sembra una provocazione ma attestazione della realtà, spesso squallida. Ultimo passaggio che scioglie i precedenti materialismi, quando entra in gioco la figura della brina; sulla pianura forse c’è ancora speranza di procreare qualcosa di nuovo.
Spero di averla capita ( anche se l’interpretazione è sempre una cosa personale).
Un caro saluto

 Fiammetta Lucattini - 20/07/2012 18:56:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

Come sempre impareggiabile nella raffinatezza lessicale.

 Loredana Savelli - 20/07/2012 13:36:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Ci sono termini (lessemi?) in questa poesia (ostia, carne profetizzata, giglio, annuncio, simbolo, stendardo) che mi fanno pensare a un’innocenza negata, a un figlio "non nato".
Ho letto molto dolore, molta fatica, molta rassegnazione.

Mi commuove perché la maternità è un compromesso tra il dare alla luce e il togliere dalla luce, è un "tempo tecnico" che può essere lancinante sia che il figlio nasca, sia che il figlio non nasca.
Perciò mi commuove anche la dedica a Luca Soldati.

Un abbraccio a entrambi.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.