LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Mauro Di Fabrizio
Il Piccolo Principe

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Racconto Autobiografico per eccellenza del Narratore, Antoine de Saint-Exupèry che Nacque a Lione il 29 Giugno del 1900 e che ha come cardine fondamentale il bambino della sua infanzia che è in lui e apprezzando sin da piccolo la solitudine, infatti, a soli sei anni perse il papà.

Nel 1935 l'Aviatore, ebbe una grave avaria nel Sahara ma riuscì a salvarsi per miracolo.

Il Romanzo si svolge proprio nel deserto ed è incalzante l’immaginazione che secondo lui, gli adulti non potevano vedere e avendo una vocazione per il disegno aveva conservato un foglio raffigurante un cappello nel serpente boa, che aveva inghiottito un elefante tutto intero e cosa che per l’adulto il solo pensiero di questa raffigurazione era impercettibile.

Il Piccolo Principe è il bambino che è in lui e non vuole dimenticarlo.

Passo rappresentativo è quando il P. Principe chiede al Narratore di disegnare una pecora perché a lui non viene bene.

Lo scrittore come segno di riconoscimento tira fuori il suo primo disegno: l’elefante dentro il boa, ma il bambino esige una pecora.

Il disegno buono dopo quattro tentativi è una cassa rettangolare con tre buchi per respirare, dove l’immaginazione vede la pecora all’interno: è l’essenziale che è invisibile agli occhi, secondo il Piccolo Principe.

In questo libro si apprezza la semplicità della vita: come i tanti incontri che nel cammino nel deserto fa; tutti riconducibili al “materialismo” dell’uomo e al rapportarsi con un giovane, dove spesso il distacco di pensiero è notevole e ci si crea un mondo parallelo disincantato e solitario.

Questo è il punto focale che vuole farci intuire l’autore, ma ogni incontro e ogni situazione comunque sono sinonimo di crescita.

Il 31 luglio 1944 fu pubblicato questo romanzo, due mesi dopo il Pilota sparì nel nulla con il suo aereo, così come l’epilogo del racconto, che narra che il protagonista “ cadde dolcemente come cade un albero” e non ci fu più sua traccia.

Vivere senza volare a 44 anni per Saint Exupéry era un colpo al cuore ed è questo che gli volevano imporre e non si può essere un Pilota anziano a quell’età.

 

 

Mauro Di Fabrizio

 Ivan Pozzoni - 24/02/2018 18:02:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Complimenti: interessantissimo!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.