LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Lorena Turri
Separati in casa

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Destra e sinistra, le due grandi mani della politica, sono riuscite a dividere in due un Paese, un'Italia che è l'unica e vera casa degli italiani.
Complimenti davvero!
Tolte di torno le mezze stagioni, le vie di mezzo, le mediazioni e la virtù che sta sempre nel mezzo, gli italiani si presentano così: da una parte i belli e dall'altra i brutti, i buoni di qui e i cattivi di qua, intanto che Paperino cerca Quo a “Chi l’ha visto”, i ricchi e i poveri, che già c'erano ma cantavano "Che sarà", il giorno e la notte, così senza la sera non ci immalinconiamo più e, dulcis in fundo, la torta con ciliegina: lo schiavo e il padrone!
Fine di una democrazia (?)
E così mi prende una certa nostalgia dei bei tempi andati quando il mondo politico era come un firmamento costellato da tante stelline: la DC, il MSI, il PCI, il PSI, il PDUP, il PSDI, e via dicendo, compreso il PRI.
Il PRI: PARTITO REPUBBLICANO ITALIANO!
Aveva come simbolo la foglia di edera.
Erano i tempi in cui l'edera andava per la maggiore, anche se non proprio grazie a quel partito.
Comunque il PRI non perdeva occasione di sfruttare i consensi che riceveva quella semplice fogliolina per farsi propaganda.
Il successo di Nilla Pizzi con la canzone che recitava "avvinta come l'edera", scatenò le fantasie degli orafi e nelle vetrine dei gioiellieri luccicavano foglie d'edera di tutte le specie e di tutte le dimensioni.
In quel periodo mariti, amanti e innamorati regalavano, come suggello del loro amore eterno, alle loro donne, la spilla a foglia d'edera.
Signore e signorine sfoggiavano, appuntate sui baveri delle giacche e dei cappotti o sui colletti delle camicette, il romantico simbolo d'amore come un vessillo. Vessillo che poteva essere scambiato per il simbolo del PRI!
Ricordo che fu per questo che mia madre smise di portare l'amata spilla. Un giorno incontrò un tale che si complimentò con lei per il coraggio di esibire l'emblema del suo partito.
Mia madre ci rimase così male, che da quel giorno depose nella sua custodia la foglia d'edera e non volle più saperne. Mio padre comprese questa sua scelta. In fondo l'amore si può anche non sbandierare allorché dia adito a fraintendimenti.
Quelli sì che erano tempi!
C'era posto per tutto e per tutti, anche per l'amore, quello che avvince come l'edera!
Ora invece, siamo divisi a metà, siamo coppie di separati. Separati in casa. Senza più amore.
Siamo due mani di uno stesso corpo che ora possono solo congiungersi per pregare.
Pregare che qualcosa possa davvero cambiare!

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.