LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Lorena Turri
ciò ch’io chiamo poesia

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]


Uno sguardo vergine sulla realt: ecco ci ch'io chiamo poesia.

 Luciana Riommi Baldaccini - 27/06/2011 20:50:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Nella mia percezione queste parole riecheggiano il "non so" di Wislawa Szymborska, nel senso che "vergine" lo sguardo di chi sa di non sapere, sa che non esiste la verit delle cose, che il reale filtrato sempre dal linguaggio e dunque per fare poesia occorre liberarsi degli schemi di percezione e di pensiero che imbrigliano e determinano non tanto "cosa" ma "come" vediamo. Credo in sostanza che non sia frutto di un’innocenza originaria difficile che un bambino faccia poesia bens di un’innocenza o una verginit faticosamente conquistata.

 Franco Fabiano - 01/11/2010 07:41:00 [ leggi altri commenti di Franco Fabiano » ]

L’aforisma presentato molto bello, poich esprime in modo inequivocabile il vero significato della parola "Poesia" circa il suo sguardo puro, incontaminato, sul mondo e sugli individui che lo popolano. In definitiva, secondo me, la definizione pi appropriata per trattare di questa nobile arte.

 leopoldo attolico - 18/05/2010 18:58:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

E’ probabile che questo sguardo "vergine" sia riconducibile a quello di un ragazzo , vissuto nel segno della meraviglia adolescente e nello stesso tempo adulta e consapevole . Un dono che di pochi . Ma poesia questo , soprattutto questo .

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.