LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giorgina Busca Gernetti
Itaca

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

ITACA

.

Legati i tronchi con ritorte funi

Ulisse, per tornare alla sua Itaca,

la zattera apprestò, tese la vela

all’albero vibrante, eretto al cielo.

 

Itaca sempre amata, sempre viva

nell’animo dolente dell’eroe,

seppure attratto da paesi ignoti,

avvinto dall’amore di Calipso.

 

Itaca dolce sogno, Itaca sacra,

Itaca forza interiore che salva

dalla tempesta quell’animo affranto

per i perduti compagni nell’onde.

 .

Sul vasto azzurro dell’ambiguo mare

vola la zattera, la scotta in pugno.

Onde increspate e una candida scia

di spuma lieve accarezzano il legno.

 .

Itaca è povera, non offre il fasto

e l’oro che scintilla nelle regge

d’oriente, ma la terra dei natali

e il ritorno, più vecchio ma più esperto.

 .

Itaca pulsa nell’animo ardente,

forte e bramoso verso la sua meta

che è incisa nitida nella memoria,

aspra di rocce, d’ulivi argentata.

 .

Vorrei avere anch’io una mia Itaca,

una meta sicura nel mio vivere,

nel mio vagare senza rotta certa

alla deriva verso oscuro abisso.

 

*

dal libro Echi e sussurri, sezione Immagini elleniche, Polistampa, Sagittaria, Firenze 2015

 

 

 Luca Pirri - 29/04/2017 12:24:00 [ leggi altri commenti di Luca Pirri » ]

scorgo talento in questi dolci versi.....
complimenti, veramente bella

 Giorgina Busca Gernetti - 10/07/2016 09:06:00 [ leggi altri commenti di Giorgina Busca Gernetti » ]

La ringrazio sentitamente per l’augurio che ricambio. Ho letto, infatti, nel Suo biglietto da visita, che anche lei...
Io non cerco "L’Isola che non c’è", ma "Itaca", seguendo in parte l’ideale di Omero, in parte di Giovanni Pascoli ("L’ultimo viaggio"), soprattutto di Kostantinos Kavafis, nella sua splendida poesia "Itaca".
Grazie ancora.
Giorgina Busca Gernetti

 Alberto Becca - 10/07/2016 08:14:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

A ciascuno la sua Itaca ! L’ importante, e ciò è anche un augurio ed una speranza, è di non navigare senza meta nel mare della vita cercando "L’ isola che non c’ è !"

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

DA LEGGERE PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DI UN COMMENTO
Nessun utente può gestire i commenti pubblicati, solo LaRecherche.it può farlo.
La rimozione di un commento da parte di LaRecherche.it non equivale alla cancellazione dello stesso, il commento, in prima istanza, verrà tolto dalla pubblicazione e sarà cancellato soltanto se non costituirà possibile prova del venir meno al Regolamento, in ogni caso la sua cancellazione definitiva o meno è a discrezione di LaRecherche.it.
Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.