LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Nicola Lo Bianco
Cristofalo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

I

 

 

 

Chi lo sa a quest’ora dove gli lùciono gli occhi a Cristofalo

e noialtri qui a perdere tempo a prenderci questo pensiero,

 ohè, prendi i bicchieri che lo sappiamo dov’è sicuro come la morte

al Borgo è a martellare casa per casa il lupucuvio gira squieto

come al solito non si dà pace dice che vuole rifatto il processo.

Prendi i bicchieri, Bonanno, beviamo.

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

II

 

 

 

Mentre invece Cristofalo era quieto, bello disteso sulla brandina

dietro l’altare aspettava nel mentre rideva e contava le stelle

col dito puntato sopra di lui il cielo brillava dal tetto sfondato

mamà quante sono!sono come la rena del mare uno spavento

diceva Sciaverio ogniqualvolta che usciva a pescare

paro coi remi dritto Cristofalo non ci pensare

pensa che sono l’alme innocenti

che stanno a guardare.

Ora chissà se Sciaverio ci vede dal fondo del mare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

III

 

 

 

 

Peccato Sciaverio ah quella volta non mi c’hai voluto portare

mi lasciasti solo accucciato dietro la porta a piangere sentivo

mia madre cantare-quel di’ che lasciai la casa per navigar-

cantava –però nel mio cuore sempre ti porterò- l’ultima serenata

senza saperlo il tempo era cambiato s’erano alzati i pupi in cielo

un requiem l’ultimo canto d’amore perduto nell’immenso mare

e  Sciaverio finì

 

 

 Incipit del poemetto inedito "Cristofalo"

 

 

 Carla de Falco - 18/11/2012 14:34:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

Ho come la sensazione che ci sia un continuo...

 Cristiana Fischer - 18/11/2012 12:24:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

6 versi, 3 personaggi, 2 ambientazioni, contrasto di apertura vitale e inquietudine... molto bella

 Loredana Savelli - 17/11/2012 18:43:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Si apre uno scenario inquietante davanti al lettore ignaro, e si teme che il "lupucuvio" venga a bussare anche alla propria porta.
Il processo? In quale fatto o fattaccio è coivolto Cristofalo?

Direi che è una scrittura con spiccata vocazione teatrale!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.