LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Fabrizio Giulietti
L���apolide

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Gli piaceva

consumarsi all’asciutto

non spingeva mai

furono in molti ad avvertirlo

ma se sapeva del passaggio

aveva anche una sua idea

e in più c’era il suo culto

quella parte del passato

con quel tempo che rientrava

era come una rivalsa

non riusciva a rassegnarsi

poi gli dissero che

quello era il suo nome

e che dopo averla vista

non sarebbe più tornata.

 

 Darlene - 01/11/2021 10:53:00 [ leggi altri commenti di Darlene » ]

Nei versi iniziali di questa breve narrazione, intravediamo limmagine di un uomo che cerca di condurre unesistenza quanto pi possibile scevra da convenzionalismi e condizionamenti precostituiti (consumarsi allasciutto). La sua vita oltrepassa gli angusti limiti delle credenze e delle certezze acquisite. Le conseguenze non lo coinvolgono, n si cura delle opinioni altrui. La sua stessa realt lo trascina come corrente libera di un fiume. Conosce bene e prima di tutti la natura del passaggio, ma non intende rivelarne i segreti. E non per sentimenti di rivalsa, ma per quella personalissima parte del passato e del tempo che rientrava. Nella sezione conclusiva, sopraggiunge una misteriosa ed enigmatica figura femminile. Sappiamo che gli dissero che quello era il suo nome, senza alcun altro indizio o legame di partenza. Lapolide... La giovinezza, o forse la vita stessa. Il tempo di sfiorarla, e non c pi.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.