LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Fabrizio Giulietti
Reduci

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Tra le sterili distese

di un’origine riflessa

trascinava i silenzi

di un’antica dinastia

 

essere comparsa

non è travestimento

 

ora lo puoi dire

il suo nome lo ricordo.

 

 Fabrizio Giulietti - 09/11/2021 19:20:00 [ leggi altri commenti di Fabrizio Giulietti » ]

darlene e cris, grazie per lettura e preziosi commenti.

 cristina bizzarri - 02/11/2021 08:25:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Chiedo scusa Fabrizio. Scrivo dallo smartphone e con il copia-incolla ho fatto un pasticcio: il mio commento si riferiva a "Radure" ma, forse per un meccanismo di sincronicità, mi sembra possa riferirsi anche a questa tua!

 cristina bizzarri - 02/11/2021 08:21:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Un testo sapienziale e bellissimo, che definirei esoterico. A me sembra una "intimation of immortality" che passa attraverso necessarie, sofferte ma luminose iniziazioni, come strappi improvvisi che lacerano e nello stesso tempo arricchiscono la coscienza viva. Insomma, una riscrittura della nostra necessaria, evolutiva, misteriosa caduta.

 Darlene - 01/11/2021 10:57:00 [ leggi altri commenti di Darlene » ]

Il titolo di questa poesia racconta già una storia. In un’unica parola intravediamo una o più persone che tornano nella propria terra dopo aver affrontato un’esperienza di guerra. La prima immagine su cui ci soffermiamo é quella dell’origine che, essendo appunto principio, non riusciamo a idealizzare come un elemento riflesso. Questa impressione è ulteriormente rafforzata dai riferimenti alle «sterili distese» con-tenuti nel verso iniziale. Si sviluppa così l’intuizione del ricorso a una finzione prettamente figurativa, di un’estensione concettuale diretta a svelare che l’inizio sta riflettendo la sua stessa fine, e che le distese, che ci rappresentiamo come spazi larghi, infiniti e spesso accoglienti, siano in realtà sterili e senza possibilità di rinascita. Seppur talvolta inondante di luce, il riflesso non è realtà. Ecco allora delinearsi una sorta di affresco intimista, una condizione interiore parallela che imprime un senso di insofferenza e di inadeguatezza verso i predecessori di «antiche dinastie», mentre un’analoga percezione di dispersione e sgretolamento sembra emergere in quei loro «trascinati silenzi», quasi a indicare mete segrete e inesplorabili sentieri. La seconda strofa ci dice molto sul nostro ruolo nella vita. Siamo comparse, sì, ma non travestimento, immagine indubbiamente di movimento ma che nella circostanza evoca forme statiche e stabilizzanti. Nell’allocuzione conclusiva ci si rivolge, infine, a un «tu» taciuto e imprecisato che, nel gioco di riflessi, si è tentati a identificare con l’autore stesso. É una chiusa che in parte allevia le tensioni e le inquietudini descritte in precedenza, sfumando in simbologie di equilibrio e rappacificazione con le «guerre» e i «conflitti» del passato. Oggi ci ritroviamo reduci, sopravvissuti, salvi, anche se solo come residui «di un’origine riflessa».

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.