LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Francesco Casuscelli
L’eco della piazza

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Un ricciolo di vento innalza le foglie al cielo

altre ormai accartocciate cantano rotolando

strisce di nuvole rivelano la direzione del vento;

come è tiepido questo sole nella primavera di gennaio.

Quanto mi è lontana l’eco della piazza,

quel grido di libertà invade ogni angolo remoto delle città.

Non sono degni quei miserabili capi di stato

avvolti nella loro superbia tra protettive scorte umane.

Lasciate che si esprima  forte l’opinione

lasciate che le parole brucino sulla pelle

lasciate che la satira possa colpire dove l’ipocrisia governa.

Il progresso non è profitto

la fratellanza non è esproprio e sfruttamento

l’accoglienza non è elemosina

l’emigrazione non è schiavitù

la libertà non è imporre l’io ma riconoscere il noi.

L’uguaglianza è diversità e la civiltà è ascolto

la democrazia è sorella di cittadinanza

non ci sono stranieri, non ci sono ospiti, 

non ci sono clandestini

siamo familiari ognuno del suo Dio

perché la religione non è violenza

sono gli uomini violenti o falsi profeti 

che si nascondono dentro le religioni.

 

La libertà è ascoltare la voce del vento

poiché sconosciuta è la sua origine e non conosce confini,

è osservare il cielo poiché ovunque tu sia

puoi vedere le stelle per sognare un futuro

 Vittorio Orlando - 11/03/2015 15:07:00 [ leggi altri commenti di Vittorio Orlando » ]

Bella poesia :altessimi i concetti sul tema della libertà, Vittorio Orlando.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.