LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Federico Zucchi
Elogio della camera oscura

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Elogio della camera oscura

C'è troppa luce al centro
troppe telecamere
sulle porte delle bocche,
come se l'essenza fosse
una somma di pupille
che ci forma dall'esterno.

La direzione artistica delle ombre
è stata appaltata ai despoti virali
e i proletari della depressione
sprofondano impotenti
come esausti amanuensi
senza chiostro da salvare.

C'è troppa luce al centro
e i bambini sanno tutto
tranne i giochi a cielo aperto
e gli adulti stanno all'erta
pedinati da qualcuno
che non sanno distanziare.

Ma il sogno vuole l'ombra
la poesia la luce obliqua
il desiderio il morso al buio
l'infinito le mani scorticate
dei pescatori di ritorno
all'imbarco mentre albeggia.

C'è troppa luce al centro
e dovremmo rincasare
a cercare presso il cuore
arcane vie carovaniere
che si accostino alle entrate
con la mente riverente.

 Klara Rubino - 21/01/2020 16:33:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

In questa tua poesia ho scoperto un sentire diverso sulla luce, che esce dalla stereotipo di luce-ombra come bene-male, anzi lo ribalta; ma in realtà non si cerca l’ombra, piuttosto una luce obliqua, ecco mi schiero con la poesia : è la poesia che vuole luce obliqua.
E ancora più apprezzo l’infinito, rappresentato dalle mani scorticate dei pescatori che all’alba tornano all’imbarco: la resistenza al dolore dell’uomo, la tenacia a fin di bene...
quei valori di dignità e il sacrificio rivolto a chi si ama che tanto contrastano con la luce artificiale dei nostri tempi, con la troppa attenzione rivolta alle immagini, con le pupille che guardano l’esterno e
sull’ esteriorità riflettono loro stesse, all’esterno rimbalzando, senza rivolgersi all’interno mai.
Grazie Federico.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

DA LEGGERE PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DI UN COMMENTO
Nessun utente può gestire i commenti pubblicati, solo LaRecherche.it può farlo.
La rimozione di un commento da parte di LaRecherche.it non equivale alla cancellazione dello stesso, il commento, in prima istanza, verrà tolto dalla pubblicazione e sarà cancellato soltanto se non costituirà possibile prova del venir meno al Regolamento, in ogni caso la sua cancellazione definitiva o meno è a discrezione di LaRecherche.it.
Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.