LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Franco Bonvini
Drop life

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Si svegliava un pò irritato la mattina, per la fame,
trovava subito dove far colazione
lo riconosceva dall' odore.
E' così che si calmava,
poi apriva gli occhi,
e lasciava che il mattino ci entrasse dentro,
chiaro e limpido, assieme al viso di lei.
Non c' era tempo o luogo,
lei era il tempo e tutto quel che c' era,
credeva che sarebbe stato così per sempre.
Il mondo poi si allargò arrivando davanti al lago
quando col sole sulla pelle si lasciava addormentare dal suono delle onde,
c' era tanta gente intorno, e risa di bambino,
e c' era sempre lei, il mondo era sempre bello.
Il tempo arrivò dopo,
aspettando babbo tornare dal lavoro,
babbo era un uomo buono,
tornava sempre con qualcosa,
tipo una macchina perforatrice per fare i coriandoli
riempire i sacchettini, che domani è festa,
o anche solamente una piccola trottola.
Ecco, lui voleva fare proprio l' elettricista come babbo
magari prendere un treno la mattina e andare al lavoro
che il lavoro doveva essere un posto bellissimo
se babbo tornava sempre con qualche meraviglia.
Anche il Don era buono, e i maestri, e i professori poi...
ma lui voleva sempre fare l' elettricista.

E allora chi erano quegli uomini che venivano la notte
con le mani in tasca a portar spavento
Chi era che veniva a farlo nascondere sotto le coperte?
E se trovava un pò' di pace, tra gli alberi, alla madonnina,
chi era che poi veniva a prenderlo?
a ricordargli che la pace non esiste.

Divenne davvero poi un elettricista
e non riusciva a voler male agli uomini
ma il tempo s' è fermato sotto quella madonnina
e non lo diventerà mai.
Apre ancora gli occhi la mattina
e lascia che il mattino ci entri dentro,
chiaro e limpido
anche se vede il mondo un po' meno bello

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.