LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giorgio Mancinelli
Val Bonetti - Nuovo disco

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
VAL BONETTI
HIDDEN STAR
DODICILUNE / IRD

Prodotto da Dodicilune, distribuito in Italia e all’estero da IRD e nei migliori store on line da Believe Digital, sabato 22 agosto esce “Hidden Star” di Val Bonetti. In solo nei due brani "Tram 5 Rag" e "Little Dancer", nelle altre sette composizioni originali, il chitarrista milanese è affiancato da Marco Ricci al contrabbasso ("Igor", "A Few Steps", "Duck is Duck is Duck is" e "Sunday Noon"), dal percussionista senegalese Cheikh Fall alla kora ("Hidden Star" e in "The Star is Calling") e dall'armonicista Giulio Brouzet ("To Caress a Snake"). Sabato 22 agosto (ore 21 - ingresso libero) proporrà alcuni brani del nuovo disco, con Marco Ricci, nel Cortile del Municipio di Cressa, in provincia di Novara.

«La musica di questo disco è stata composta con la chitarra; lo strumento su cui sviluppo tutte le mie idee esplorandone le possibilità polifoniche e poliritmiche», racconta Val Bonetti. «Le sei corde possono sembrare sei strumenti dive rsi che possono essere accarezzati, solleticati o pizzicati in una varietà infinita di modi. Questo è ciò che mi affascina e mi riporta, ogni giorno, a sedermi con la chitarra, la mia porta verso le infinite possibilità che la musica può offrire», prosegue. «È stato un privilegio lavorare con tre ospiti molto speciali per questo progetto, coinvolgendoli in incontri che non erano solo duetti ma veri e propri dialoghi. Come compositore ho fornito la traccia, ma la magia è avvenuta durante le registrazioni Sono molto grato a Marco Ricci, Cheikh Fall e Giulio Brouzet, la cui creatività mi ha permesso di dare vita a ciò che esisteva solo sulla carta. Preferisco non preoccuparmi delle designazioni stilistiche della mia musica, ma questo non vuol dire che altri non possano cercare di rintracciare le molte influenze di questo lavoro».

Val Bonetti è un chitarrista compositore milanese. Terminati gli studi di Chitarra Jazz alla Civica Scuola di Musica di Milano nel 2005, Bonetti ha approfondito le sue competenze nell’ambito del Blues Fingerpicking e Fingerstyle Jazz sia da autodidatta sia frequentando seminari con artisti internazionali di rifermento completando poi gli studi presso il Centro Studi Fingerstyle, di cui ora è docente. Alcune sue composizioni hanno vinto prestigiosi premi nell'ambito della chitarra acustica (2009, Premio New Sounds al Guitar Meeting di Sarzana e Miglior Arrangiamento al Guitar festival di San Benedetto PO) e i suoi lavori precedenti (“Wait” e “Tales” pubblicati da indipendente) sono stati ottimamente recensiti dalla stampa specializzata internazionale. Nel corso della sua carriera ha affinato il proprio stile sulla chitarra partendo dalla root music americana ma portando avanti un discorso personale e aperto a influenze musicali molto dive rse. Le tecniche del fingerpicking infatti sono alla base del suo approccio sulla chitarra mettendo in evidenza le potenzialità polifoniche e poliritmiche di questo strumento quando suonato a dita. Se nel tocco e nel suono sono evidenti i richiami agli “eroi” del country blues di prima generazione e ad alcuni chitarristi folk inglesi, le sue composizioni si ispirano sia ai grandi classici del jazz sia ad autori più recenti.

“Hidden Star”, suo terzo lavoro discografico, rappresenta bene questa eterogeneità di influenze e il suo sviluppo stilistico. Brani come “Igor” e “Duck is Duck…” (tributo al chitarrista americano Duck Baker) richiamano alle sonorità classiche del jazz, in particolare a due pianisti di riferimento, Horace Silver e Thelonious Monk. “Tram 5”, invece, è un vero e proprio omaggio a l ragtime, al jazz degli albori e ai grandi chitarristi pionieri della chitarra blues e jazz come Rev Gary Davis, Lonnie Johnson e Blind Blake; così come “Little Dancer” deve molto al chitarrismo di John Renbourn. La titletrack “Hidden Star” è un abbraccio al blues africano dell’amatissimo Ali Farka Tourè mentre “Few Steps” e “Sunday Noon”, sono due milonghe che devono molto ad Astor Piazzolla, ai Buena Vista Social Club così come ai nostri classici autori per il cinema. Senza dubbio ciò che accomuna queste tracce è la ricerca della polifonia e poliritmia sulla chitarra che permette di coprire più ruoli simultaneamente. In “Hidden Star” o “Caress a Snake”, brani in cui questo è ancor più evidente, possiamo infatti distintamente sentire una linea melodica in evidenza e una parte di accompagnamento uno strato sotto.

Tutti i brani infatti sono stati composti sulla chitarra pensando a più strumenti dentro di essa, a strati appunto; vi è un grosso lavoro sul tocco e sulla dinamica nell’esecuzione. Questa ricerca sullo strumento non vuole mai essere fine a se stessa; la scelta di introdurre altri strumenti va proprio nella direzione di conferire maggiore naturalezza alle esecuzioni, ingaggiando delle parti di improvvisazione, e nel contempo di caratterizzare maggiormente ogni traccia coi colori di altri strumenti. Con Marco Ricci è stato fatto un grosso lavoro per affinare l’incastro fra i due strumenti, dando alle volte al contrabbasso ruoli e registri meno usuali. Gli interventi di Cheikh Fall alla kora e Giulio Brouzet all’armonica diatonica sono invece frutto di improvvisazioni nate durante le sessioni in studio. Attivo in diverse collaborazioni fra cui spiccano quella con Duck Baker (leggendario chitarrista americano con cui ha in programma un tour in Italia a ottobre 2020), con Aronne Dell'Oro (con il quale rivisita la tradizione mediterranea nostrana in chiave folk-blues), con il progetto IlZenDelSwing del cantautore Claudio Sanfilippo con Massimo Gatti al mandolino, con l’armonicista Beppe Semeraro per un duo bues/Ragtime/Swing. Infine va ricordata la ormai decennale collaborazione nella didattica con Davide Mastrangelo, fondatore del CentroStudiFingerstyle. Nel 2017 è uscito Pareto Sketches ( Bar Code Records) un album di musiche scritte da Duck Baker in cui (oltre a Val) hanno suonato diversi affermati chitarristi. Val ha avviato da pochi anni a Milano un centro dedicato alla didattica per chitarra acustica (www.goodthumb.com), dove organizza corsi di avviamento e specializzazione in chitarra fingerstyle e workshop con ospiti illustri. www.valbonetti.com

L’etic hetta Dodicilune, fondata da Gabriele Rampino e Maurizio Bizzochetti è attiva dal 1996 e dispone di un catalogo di oltre 250 produzioni di artisti italiani e stranieri. Distribuiti nei negozi in Italia e all'estero da IRD, i dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online, ascoltati e scaricati sulle maggiori piattaforme del mondo grazie a Believe Digital.

Dodicilune - Edizioni Discografiche & Musicali
Via Ferecide Siro 1/E - Lecce
Telefono 0832091231 - 3249817045
info@dodiciluneshop.it - press@dodicilune.it

Per richiesta foto, interviste, comunicati e copie dischi
Ufficio stampa
Società Cooperativa Coolclub
Piazza Giorgio Baglivi 10, Lecce
ufficiostampa@coolclub.it - 0832303707
pierpaolo@coolclub.it – 3394313397

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.