LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliana Campisi
E se fossi morta?

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]


Possibile che io sia morta?
Eppure sento il mio respiro,
il sangue che scorre nelle vene, 
perche' allora vedo Arcangeli e Luciferi
alle mie spalle, sento fruscii e tonfi
e vedo ombre che serpeggiano sui muri?
Mentre cammino non sento nulla sotto
i piedi, visioni oniriche mi seguono mentre mi muovo,
di mondi sconosciuti, incredibili colori ed animali,
ed io che volo.
Passeggio sulle nubi come se fosse un prato senza fiori,
la pioggia non mi bagna
ha un sapore dolce come e fosse amore
e posso inghiottirne tanta quanto ne voglio,
fino a scoppiare.
Potrei essere morta e non lo so,
nessuno me lo dice.
Non vedo piangere i parenti,
anche se questo e' un fatto irrilevante.
Dovrebbe esserci almeno un messagero
che porti la notizia all'interessato,
perche' senno' io continuo la mia nonvita,
come se fosse niente, un altro inferno ancora,
senza che io ne sappia niente
e nessuno che mi porti almeno i fiori.


 Salvatore Pizzo - 03/04/2018 23:11:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Ricordo una frase di una novella di Pasolini con Totò, Ninetto Davoli e Silvana Mangano: a volte essere vivi o essere morti è la stessa cosa...Ecco, i tuoi versi mi sembrano un passo ulteriore verso questa complessa situazione psicologica in cui si arriva a dibattersi in cwerti momenti.....
Molto apprezzata
un saluto

 Graced - 03/04/2018 20:13:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Si vive come si può, sempre cercando di farlo al meglio, ma alle volte si hanno delle strane sensazioni che non ci sappiamo spiegare, sensazioni e sentire che fanno star male psicologicamente, ma bisogna essere forti da non lasciarsi sopraffare. Versi apprezzati. Un saluto da Graced

 Alberto Becca - 03/04/2018 19:28:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Tutto (come scrisse un noto filosofo) è relativo: anche la vita, il vivere, il come si vive (e si muore) il respirare: non mi soffermo sugli stati intermedi fra vita e morte, sulle gravi e irrisolvibili problematiche legate ai cosi’ detti stati vegetativi : l’ importante non è come o dove (si vive) ma come si vive e soprattutto perchè !! Auguri di lunga e felice vita (con molti Arcangeli, senza Luciferi !!)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.