LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuseppe Bisegna
Confessione ad Elisa

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Non lo verremo certo a dire a voi
che fate dei riconoscimenti ufficiali una condizione vitale
e nemmeno a voi, maniaci dell’accademismo di maniera.
Lo diremo a chi non si sente in dovere
di porre limiti e paletti, pesi e misure,
lo diremo a te, questa notte, prima di lasciarti ai sogni.
Il nostro, quasi un dovere, forse arduo, forse spesso disatteso ma,

altrimenti chi si farà carico dei vostri sentimenti scaduti?
un po’ per volta ci carichiamo delle vostre miserie
e le portiamo a compimento, le accompagniamo all'ultimo respiro
perché sappiamo, di come via sia difficile durare ai sentimenti

ci prendiamo la briga di penare per voi
le illusioni, le euforie, le delusioni, le attese,
le foto, un fiore, i dettagli, i biglietti d'auguri, gli sguardi,
i nodi allo stomaco, un tramonto, le mezze parole, le lacrime,
ed alcune canzoni,
sono i nostri attrezzi del mestiere.

Sappiamo che nella loro semplicità e nella loro quotidianità
essi assumeranno la forma del dramma, con la loro presenza,
forse prima, forse dopo
e il loro peso sarà a volte duro da sopportare ma,
ci siamo noi
che ci appostiamo sugli strascichi delle cose andate a male
che strappiamo di colpo o aiutiamo a sfilare con la calma,
dove la calma diventa ossessione

questo facciamo, proviamo a depurare
e ci piacerebbe vedervi a tutti ridere.

Non lo diremo a voi chi siamo,
a voi che sprezzereste persino Dio se vi si presentasse senza un titolo
a voi manichini imbalsamati che vivete di emozioni preparate
lo diremo a te, questa notte, prima di lasciarti ai sogni.

Siamo quelli che, per prenderci in giro,
a volte chiamano poeti,
e il nostro è quasi un dovere, è forse arduo e forse spesso è disatteso.

 Maria Musik - 09/10/2009 22:49:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Testo difficile, a volte incolto, che si avvolge e si svolge: una lamentazione ed una invettiva.
"Siamo così... è difficile spiegare": poeti per sbaglio, uomini per nascita.

 Marco Maccari - 30/09/2009 19:44:00 [ leggi altri commenti di Marco Maccari » ]

L’identica PRESSIONE morale che, attraversando i testi/manifesto di E’ giusto? e Serve tutto, stempiava più di un lettore:

Stavolta una pellicola in B/W, pochi scatti di una Olympus del ’82, quadrati, in fretta per la strada. Si sa, si spera sempre che la fortuna sorrida dietro l’angolo: non è così, la luce è privilegio solo per gli iniziati.

L’amore per un fiore di campo.

 Alessio Romano - 30/09/2009 03:11:00 [ leggi altri commenti di Alessio Romano » ]

Profondamente bella,
è mio parere che la sua beltà culmini in questo momento:
"Siamo quelli che, per prenderci in giro,
a volte chiamano poeti,"
cordiali saluti.

 Eleonora - 30/09/2009 00:02:00 [ leggi altri commenti di Eleonora » ]

sì, Loredana, avevo capito tu intendessi la prima persona plurale :)cmq entrambe le espressioni sono corette grammaticalmente, sia con la I che senza.
Saluti.

 Lorena Turri - 29/09/2009 23:00:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Scusa, Eleonora, volevo dire alla prima persona plurale.

 Lorena Turri - 29/09/2009 21:44:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Per Eleonora

La coniugazione alla seconda persona plurale del presente indicativo del verbo accompagnare è correta, Eleonora, non è licenza poetica ma italiano corrente.

 Roberto Maggiani - 29/09/2009 21:11:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Nel testo c’è una tensione interessante, una forza poetica, a tratti grezza, che cerca di sfogare una rabbia verso gli "accademici" del pensiero e del sociale...in questo senso mi trovi con te sulla breccia a sostenere gli sguardi oltre, molto oltre, verso un punto della Storia dove gli equilibri sociali e culturali danno armonia alla vita degli individui.

 Eleonora - 29/09/2009 20:53:00 [ leggi altri commenti di Eleonora » ]

accompagnIamo...mmmmmh licenza poetica?

 Elisa - 29/09/2009 20:14:00 [ leggi altri commenti di Elisa » ]

...che strappiamo di colpo o aiutiamo a sfilare con la calma,
dove la calma diventa ossessione...
è bellissima quest’immagine... Mi piace molto e di certo per me è la più emozionante! ;)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.